Didattica a distanza, la protesta tra gli studenti cresce a Brescia

Mentre un gruppo di giovani del Calini prosegue con la dad davanti alla sede, i genitori di diversi istituti si organizzano.

(red.) Il freddo non blocca la protesta di un gruppo di studenti del liceo Calini di Brescia. Anche stamattina, lunedì 11 gennaio, alcuni giovani, incuranti delle temperature invernali, hanno raggiunto la sede della scuola, in via Monte Suello, per seguire una didattica a distanza ormai intollerabile per i ragazzi.

didattica a distanza, al Calini prosegue la protesta

La protesta, a breve, potrebbe coinvolgere anche altri istituti, come si legge in una mail arrivata alla nostra redazione. “Sono in corso attività di cooperazione tra i genitori degli istituti bresciani per portare la protesta all’attenzione delle istituzioni e dire ‘basta!’: i nostri figli e il loro futuro non possono essere le vittime sacrificali delle inadeguatezze degli adulti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.