Asili in Lombardia riaprono il 7 settembre. E a scuola anche in hotel e b&B

Il Ministero dell'Istruzione ha risolto la querelle con il Pirellone: le regioni hanno le competenze sulla data.

(red.) Si è risolta nell’arco di due giorni una polemica che aveva visto da una parte la Regione Lombardia e dall’altra il Ministero dell’Istruzione: al centro, la riapertura delle scuole dell’infanzia (gli asili) per i bambini dai 3 ai 6 anni. Lo scontro era emerso nel momento in cui dal Pirellone si erano detti disponibili ad aprire gli asili già il 7 settembre, con una settimana di anticipo rispetto alla data media – il 14 settembre – espressa a livello nazionale di riapertura delle scuole di ogni ordine e grado. Una richiesta, quella di riaprire con sette giorni di anticipo, caldeggiata anche dal Comune di Brescia insieme ai genitori e alle scuole paritarie.

E la querelle si è risolta nel momento in cui da viale Trastevere fanno sapere, come è noto, che le regioni hanno competenze di decidere se modificare l’inizio del nuovo anno scolastico. Di conseguenza in Lombardia, come era già stato deciso, gli asili potranno riaprire tra meno di un mese, il prossimo 7 settembre. Nel frattempo, per quanto riguarda gli altri ordini e gradi scolastici, dalle elementari alle superiori, è emerso come, a livello nazionale, 400 mila studenti potranno fare lezione in spazi alternativi rispetto alle consuete aule.

L’allarme riguarda il fatto che la metà delle 20 mila aule da allestire non sono ancora disponibili e tanto da profilare altre possibilità. Per esempio, che gli studenti possano fare lezione negli hotel, bed and breakfast e negli appartamenti. Su questo fronte i Comuni potrebbero lanciare degli avvisi pubblici, ma serviranno comunque spazi che rispettano le misure di sicurezza e abbastanza capienti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.