Quantcast

Maturità, nel bresciano mancano 52 presidenti di commissione

Il prossimo 15 giugno l'insediamento in vista dell'inizio il17. E nel caso si valuta persino la precettazione.

(red.) Il prossimo 17 giugno dalle 8,30 i primi studenti, rigorosamente distanziati dalla commissione, potranno sostenere l’esame di maturità. Ma a tredici giorni di distanza da quel momento, il bresciano come il resto d’Italia soffrono la mancanza dei presidenti di commissione. Tanto che nelle scuole superiori della nostra provincia si parla di 52 presidenti mancanti a fronte delle 237 realtà che dovranno essere guidate. Questa situazione impegnativa e complessa era già emersa lo scorso maggio, tanto che erano stati invitati i dirigenti scolastici a muoversi.

Così è stato fatto anche nel bresciano, ma mancano ancora 52 presidenti. E il prossimo 15 giugno è in programma la riunione d’insediamento delle commissioni in vista dell’esame. Su questo fronte sta lavorando anche l’ufficio scolastico provinciale e c’è il rischio estremo di porre un presidente a guidare più commissioni. Se non addirittura la precettazione, obbligando a intervenire agli esami. Senza dimenticare che, da disposizioni ministeriali, i commissari interni che potrebbero avere patologie a rischio contagio possono collegarsi in video conferenza.

Quella della mancanza dei presidenti è un dilemma che colpisce soprattutto la Lombardia e anche il territorio bresciano per il timore, di chi si deve muovere da altre località, di entrare in contatto con una realtà duramente provata a livello sanitario. Ma intanto tornano a farsi sentire diversi studenti del gruppo “No Maturità” che chiedono al Governo di abolire quest’anno l’esame di maturità perché considerato non rispettoso per la situazione. E chiedono quindi di valutare gli studenti facendo una media dei voti dell’intero percorso scolastico. Già nelle settimane precedenti a giugno due terzi degli studenti di tutta Italia avevano risposto a un sondaggio lanciato nel bresciano chiedendo di abolire la prova e anche i docenti hanno parlato di un azzardo sostenere l’esame in presenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.