Dirigenti, stipendi da 40 a 100mila euro

Sul sito del ministero dell'Istruzione pubblicate le tabelle con i compensi dei presidi degli istituti bresciani. In cima c'è l'ex direttore dell' Usp, Maria Rosa Raimondi.

(red.) 112.674,58 euro: questo lo stipendio annuo dell’ex direttrice dell’Ufficio scolastico provinciale di Brescia Maria Rosa Raimondi, recentemente rimossa e sostituita nell’incarico.
Il Miur, Ministero dell’ Istruzione, Università e ricerca, come riferisce il Corsera Brescia, ha pubblicato on line le retribuzioni (aggiornate al 3 luglio 2013) dei dirigenti scolastici, indicando, in ogni caso,  una tabella con lo stipendio tabellare, anzianità, risultati, incarichi aggiuntivi, retribuzione di posizione ed eventuali reggenze.
In cima all’elenco per quanto riguarda la realtà bresciana c’è Raimondi, ora destinata a diventare preside del Liceo Arnaldo in città, che, nel 2012, ha guadagnato  una quota tabellare di 43 mila euro, oltre a 30 mila di posizione per parte fissa variabile, e quasi 30 mila euro di retribuzione di risultato e quasi 10 mila di anzianità di servizio.
La media degli stipendi varia tra i 50 e i 60 mila euro, ma c’è anche chi ne percepisce molti meno.
Dopo Raimondi, si piazza Rosa Vitale, 60 anni, dirigente scolastico effettivo all’istituto comprensivo di Iseo, la quale ha guadagnato 77 mila 285 euro: 43.311 euro di stipendio tabellare, oltre 14 mila euro di retribuzione per la parte fissa e variabile, 4 mila euro di retribuzione di risultato.
Giovanni De Amicis, 65 anni, dirigente del Meneghini di Edolo ha percepito inevce 75 mila 538 euro, Valentino Maffina,60 anni, alla guida dell’ Istituto comprensivo di Marcheno poco più di 70mila, così come Giovanni Minervini, 65 anni, dirigente a Borgo san Giacomo, Antonio Bellino,62 anni, Ic Moro di Capriolo, Ermelina Ravelli 62 anni, IIS Capirola di Leno e Mario Fraccaro 60 anni, Don Milani di Montichiari.
Il dirigente uscente del liceo Copernico Mauro Bortoletto (con  reggenza all’Arnaldo), guadagna invece  42.660 euro, e sulla stessa cifra si fermano anche Letizia Elena Sibilia, 55 anni,preside all’ Ic di Castelcovati, Maria Grazia Ghio,58 anni, Ic S.Eufemia Est 3 e Renato Ferrari,59 anni, Ic Guerini Bagnolo Mella.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.