Università, didattica e ricerca a rischio

L'Ateneo bresciano perderà 3 milioni di finanziamenti. Si prospetta, come annunciato dal rettore Sergio pecorelli, una riduzione dei servizi essenziali.

Più informazioni su

(red.) Fine dell’anno, tempo di bilanci anche per l’Università Statale di Brescia che fa il punto su quanto compiuto e su ciò che in futuro sarà (o meno) realizzabile.
Già, perché con il taglio da 300 milioni stabilito dal Governo Monti, l’Ateneo dovrà necessariamente rinunciare a progetti di rilancio e di sviluppo.
Per mantenere una didattica e duna ricerca su piani qualitativamente come ha affermato il rettore della Statale Sergio Pecorelli che, pur sottolineando la virtuosità della sede bresciana ha stigmatizzato le scelte del Parlamento che comporteranno, per l’Ateneo citatdino, una perdita di tre milioni di euro.
Il numero uno della Statale ne ha parlato giovedì a studenti, docenti ed amministrativi nell’aula magna della facoltà di Medicina.
Nell’illustrare il nuovo sistema informatico dell’Ateneo, Pecorelli ha voluto sottolineare che i tagli alle risorse per l’Università bresciana ci saranno e comporteranno una pesante ipoteca per le scelte future.
Si prospetta, come annunciato, una riduzione dei servizi essenziali con inevitabili conseguenze sulla didattica e sulla ricerca.
I tre milioni tagliati a Brescia corrispondono infatti al 6 % del Fondo di finanziamento ordinario ed influiscono anche sul piano triennale dell’Ateneo.
Intanto l’Università non vuole restare indietro ed ha avviato un percorso di innovazione digitale, per facilitare la comunicazione tra studenti ed amministrazione, ma anche per la condivisione di dati.
La prima parte del percorso è stata portata a termine e, dal prossimo 7 gennaio entrerà in funzione il nuovo sistema integrato di ateneo per la didattica e i servizi web agli studenti, basato sulla piattaforma Esse3 (Sistema segreteria studenti).
Ci sarà un sistema unico di autenticazione per l’accesso ai sistemi della didattica e ai servizi; l’unificazione delle matricole in un solo account personale valido per tutta la carriera dello studente; lo svolgimento sul web di alcune procedure amministrative.
Verrà aperto un sistema di prenotazione e registrazione degli esami e, una volta che il percorso di digitalizzazione sarà ultimato, scomparirà anche il libretto degli esami cartaceo, che verrà sostituito da un registro web.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.