Quantcast

Rotary dona uno spirometro alla Medicina Respiratoria del Civile

(red.) Durante la pandemia il Rotary Distrettuale Bresciano ha attivamente supportato la Asst Spedali Civili, con generose donazioni ai Presidi Ospedalieri e con il supporto all’attività vaccinale.
Oltre alle cure nella fase acuta della malattia e alla prevenzione attraverso i vaccini, la pandemia richiede particolare attenzione al follow up dei pazienti guariti.
Lo Spirometro PFT, donato da Rotary al Reparto di Medicina Generale 2 – Medicina Respiratoria della Asst Spedali Civili, ha l’obiettivo di potenziare l’attività di analisi dello stato di salute dei polmoni di pazienti ex Covid-19 che necessitano di un monitoraggio costante e accurato nel tempo.
Questa apparecchiatura è stata donata dal Rotary E-Club of 2050 e dal Rotary Club Brescia Nord, con il contributo dei Rotary Club Brescia Castello, Brescia Veronica Gambara, Brescia Vittoria Alata, E-Club of Latinoamérica e Lviv – Centre (Ukraina) nell’ambito del progetto umanitario internazionale LRAC (Lung Recovery After COVID-19) per la lotta al coronavirus, sostenuto, in parte, dalle sovvenzioni dei Distretti Rotary 2050 Italy e 4195 México e della Fondazione del Rotary International nell’anno Rotariano 2020-2021.

“La generosa concretezza dei Rotary bresciani e di tutti quelli partecipanti al progetto LRAC può essere raccontata attraverso un dettaglio non trascurabile: oggi, con la consegna di questa targa, che verrà esposta nel Reparto di Medicina Respiratoria – sottolinea il direttore generale Massimo Lombardo – stiamo simbolicamente accettando una strumentazione che è già operativa da alcuni giorni: lo spirito rotariano passa anche da questa attenzione per i fatti, che precedono sempre le parole”.
“Con la donazione dello spirometro alla Medicina Respiratoria – afferma la presidente 2020-21 del Rotary E-Club of 2050 Cesara Pasini – desideriamo testimoniare il nostro impegno nella lotta al Covid-19 che si rivolge ora alla comprensione delle conseguenze nelle persone sopravvissute e all’individuazione delle terapie più idonee”.
“Siamo consapevoli del grande lavoro, sia assistenziale che di ricerca, che dovrà essere fatto – sottolinea Deodato Assanelli del Rotary Club Brescia Nord – e ci aspettiamo di poter condividere i risultati con i Paesi del Distretto messicano e dell’Ucraina”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.