Quantcast

Desenzano, Gavardo e Manerbio, ospedali da 3 Bollini Rosa

Riconfermato per il terzo biennio consecutivo il prestigioso riconoscimento agli ospedali di Asst Garda per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili.

(red.) “La riconferma per il terzo biennio consecutivo del massimo riconoscimento per gli ospedali bresciani di Desenzano, Gavardo, Manerbio è motivo di orgoglio per tutta ASST Garda, unica Azienda tra le
354 premiate ad aver ricevuto 3 Bollini Rosa per ogni struttura candidata. I Bollini Rosa vanno ai professionisti che operano nei nostri ospedali e che ringrazio per la loro attività quotidiana. È nostro obiettivo proseguire in questa direzione con costanza anche per il futuro potenziando, laddove possibile, l’offerta sanitaria e promuovendo giornate dedicate a specifiche patologie.”
Commenta così Mario Alparone, Direttore Generale di ASST Garda, la riconferma dei 3 Bollini Rosa, su una scala da 1 a 3, riconosciuti per il biennio 2022-2023 agli ospedali di Desenzano, Gavardo e Manerbio da parte di Fondazione Onda-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, da sempre impegnata nella promozione della medicina di genere.
I Bollini Rosa vengono attribuiti agli ospedali che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura sia delle principali patologie femminili sia di quelle che riguardano trasversalmente uomini e donne, in un’ottica di genere.

ASST Garda fa parte del network Bollini Rosa dal 2009 e ha visto, negli anni, crescere il numero di bollini riconosciuti attestandosi su tre bollini per ogni presidio ospedaliero sin dal biennio 2018-2019.
La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da oltre 400 domande suddivise in 15 aree specialistiche più una sezione dedicata alla gestione dei casi di violenza sulle donne e sugli operatori sanitari. Un’apposita commissione presieduta da Walter Ricciardi, Professore di Igiene
e Sanità Pubblica all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali a seguito del calcolo del punteggio ottenuto nella candidatura, tenendo in considerazione anche gli elementi qualitativi di particolare rilevanza non valutati tramite il questionario (servizi e percorsi speciali, iniziative e progetti particolari).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.