Quantcast

Carolina Zani Melanoma Foundation: donazione da 170 mila euro per il follow up dermatologico

(red.) Carolina Zani Melanoma Foundation è al fianco degli ospedali di Brescia e Desenzano con la donazione di due apparecchiature fondamentali per il follow up dermatologico dal valore complessivo di circa 170 mila euro.
Da più di un anno la Carolina Zani Melanoma Foundation è presente sul territorio con l’obiettivo di sostenere attivamente chi ogni giorno affronta sfide per combattere il melanoma. Per farlo molte sono state le iniziative messe in campo dalla Fondazione: campagne di sensibilizzazione, fondi a sostegno di progetti di ricerca, l’adesione alla “Global Melanoma Coalition” e donazioni di apparecchiature ad ospedali.
Tra queste donazioni anche quella di un Deep Live System agli Spedali Civili di Brescia che ha permesso alla Carolina Zani Melanoma Foundation di continuare nella sua mission “Control Alt Cancer”. L’apparecchiatura ha un innovativo sistema di imaging che, rispetto alla più tradizionale tecnologia, permette di analizzare in modo più dettagliato quelle che sono le specifiche dei nevi durante le visite dermatologiche di controllo.
L’apparecchiatura fornisce una modalità di imaging 3D unica, permettendo allo specialista di passare da una visualizzazione “verticale” simile a quella istologica ad una “orizzontale” come quella confocale. Inoltre, altro vantaggio differenziante rispetto ad altri macchinari permette di registrare uno stack 3D dei volumi di tessuto in situ. L’acquisizione di questi dati permetterà ai dermatologi degli Spedali Civili di Brescia di implementare i diversi dati e ricerche che già manualmente acquisiscono, dando la possibilità agli specialisti di definire col tempo delle statistiche sul paziente-tipo affetto da melanoma.
«Con il Deep Live System possiamo affiancare lo specialista nel suo lavoro di diagnosi per la presenza o meno di melanoma » racconta il Professor Piergiacomo Calzavara Pinton, Primario degli Spedali Civili di Brescia «La tecnologia sarà dedicata a controlli più puntuali e approfonditi permettendo di comprendere in che modo intervenire sulla sezione interessata, definendo se agire e il modo migliore per farlo. Inoltre attraverso questa apparecchiatura sarà possibile archiviare le immagini e di conseguenza di tenere monitorato nel tempo il sito di interesse».

A questa donazione se ne unisce anche un’altra agli ambulatori dermatologici dell’Ospedale di Desenzano: un videodermatoscopio di ultima generazione. Questo strumento darà un ulteriore ed importantissimo supporto tecnologico all’attività del team di dermatologia. L’obiettivo è, di affiancare alle proprie competenze, l’uso di tecnologie avanzate per le valutazioni relative a tumori della pelle e del melanoma. «Una scelta, questa, perfettamente in linea con gli scopi per cui è nata la nostra Fondazione» ha dichiarato Patrizia Ondelli Fondatrice della Carolina Zani Melanoma Foundation. «La Carolina Zani Melanoma Foundation, nata alla fine del 2020 ha già realizzato diversi progetti a supporto della ricerca scientifica, per il miglioramento delle dotazioni delle strutture sanitarie e di prevenzione con un progetto di visite dermatologiche gratuite in tre strutture ospedaliere del territorio bresciano che, è appena stato stabilito dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione, continueranno anche nel 2022 per contribuire ad avere un futuro libero dal melanoma» conclude la Fondatrice.
Non semplici donazioni ma un vero e proprio supporto alla ricerca e alla prevenzione. Le due apparecchiature saranno dunque strumenti importanti a totale fruizione dei medici che permetteranno non solo di aiutare nella diagnosi ma agevoleranno interventi futuri nel campo del controllo e della prevenzione del melanoma, fondamentale per combattere il tumore della pelle più mortale.
«Siamo particolarmente soddisfatti per le attività svolte nel nostro primo anno di vita della Fondazione e in particolare, con le donazioni del Deep Live System agli Spedali Civili e del videodermatoscopio a Desenzano, non solo portiamo a Brescia una tecnologia molto avanzata ma siamo anche lieti di supportare la formazione al suo utilizzo, a beneficio di tutti i pazienti del territorio» conclude Patrizia Ondelli Fondatrice e Presidente del Consiglio di Indirizzo.

Carolina Zani Melanoma Foundation: donazione da 170 mila euro per il follow up dermatologico

Carolina Zani Melanoma Foundation

La Carolina Zani Melanoma Foundation nasce nel 2020 con l’obiettivo di sostenere attivamente chi ogni giorno affronta sfide per combattere il melanoma. Il cuore delle nostre attività: sostenere la ricerca, diffondere la cultura della prevenzione, aiutare i malati e le loro famiglie ad avere la migliore assistenza e promuovere iniziative per contrastare la diffusione della malattia.

Ricerca: Sostenere la ricerca per nuove opportunità di cura

La Fondazione finanzia progetti e sperimentazioni, promuove laboratori e centri di ricerca per lo studio del melanoma, raccogliendo dati e contribuendo alla diffusione dei risultati ottenuti.

Prevenzione: Conoscere le cause per prevenire la malattia

Accrescere la consapevolezza e l’attenzione della popolazione, in particolare dei giovani, riguardo alla prevenzione attraverso iniziative di sensibilizzazione sui fattori di rischio, sulla diagnosi precoce e la realizzazione di progetti di screening.

Assistenza: Affiancare concretamente chi lotta contro il melanoma

Aiuti concreti ai pazienti, per contribuire ad alleviare le sofferenze fisiche e psicologiche causate dal melanoma. La Fondazione si occupa di sostenere anche a livello economico, oltre che informativo, i malati e le loro famiglie.

Cura: Promuovere la conoscenza e sostenere le eccellenze cliniche

Sostegno diretto al miglioramento della cura e dell’assistenza negli ospedali, anche attraverso la dotazione di strumentazione diagnostica avanzata e la promozione di progetti innovativi di diagnosi e cura grazie alle nuove possibilità con la medicina di precisione e l’intelligenza artificiale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.