Quantcast

Ospedale Civile, da lunedì le nuove regole per far visita ai ricoverati

Spedali Civili, Gardone, Montichiari e Ospedale dei Bambini: l'accesso ai reparti è possibile dal lunedì al sabato ore 18,45-20,30, domenica e festivi 14,30 – 16,30. Ma ci sono delle procedure da seguire.

(red.) L’introduzione del Certificazione Verde Covid-19 ai sensi dell’art. 9 della legge 17 giugno 2021, il cosiddetto “Green Pass”, ha reso più sicura la possibilità delle relazioni tra le persone sia in ambito comunitario che assistenziale. Durante gli scorsi mesi, l’accesso alle strutture sanitarie è stato fortemente limitato, per ragioni di sicurezza: non era consentito fare visita ai propri cari ricoverati, se non in casi eccezionali, concordati con il personale dei Reparti.

Da lunedì 16 agosto l’Asst Spedali Civili, seguendo quanto previsto dalla normativa, riapre le porte ai visitatori e ha rivisto le regole per l’accesso degli accompagnatori. Naturalmente non si tratta di un “liberi tutti”: il virus continua a circolare e dobbiamo, singolarmente e collettivamente, comportarci con la massima precauzione.
L’ospedale è un luogo di cura che ospita anche pazienti fragili, per questo, appellandoci al senso di responsabilità di ciascuno, chiediamo ai visitatori e agli accompagnatori che accedono alle aree di degenza l’esecuzione di un tampone naso-faringeo anti-covid aggiuntivo

Queste, in sintesi, le nuove regole.

VISITATORI

L’accesso è consentito solo attraverso i varchi pedonali (ad eccezione dei visitatori con disabilità forniti di contrassegno invalidi in corso di validità, che possono accedere dal passo carraio).
Le visite presso i reparti sono consentite per i pazienti con ricovero previsto non inferiore alle 72 ore.
È consentita la presenza di un solo visitatore per paziente, per il tempo più breve possibile, non oltre i 30 minuti.

Orari di visita
• Presidio Spedali Civili, Gardone, Montichiari e Ospedale dei Bambini: dal lunedì al sabato ore 18,45-20,30, domenica e festivi 14,30 – 16,30.
L’accesso è consentito secondo il seguente schema, in base all’iniziale del cognome del paziente:
– lunedì, mercoledì, venerdì: dalla A alla L
– martedì, giovedì, sabato: dalla M alla Z
– domenica e festivi: dalla A alla Z.

Per poter accedere i visitatori dovranno mostrare agli addetti ai varchi la seguente documentazione:
• certificazione verde Covid-19 in forma cartacea o digitale,
• documento d’identità,
• autodichiarazione pre-triage sottoscritta (disponibile sul portale Asst),
• un tampone negativo covid eseguito entro le 48 ore precedenti.
Al varco i visitatori dovranno igienizzare le mani e verrà loro misurata la temperatura corporea: in caso di temperatura superiore ai 37.5°, sarà vietato l’ingresso.

ACCOMPAGNATORI

Possono accedere ai Reparti di degenza per prestare assistenza non sanitaria continuativa a paziente Non Covid, previa autorizzazione scritta del direttore del Reparto:
• un accompagnatore di paziente con grave disabilità
• un accompagnatore di paziente minore;
• un accompagnatore di donna in gravidanza anche nella fase di travaglio e nel post-partum (ad esclusione dell’area Covid+);
• un accompagnatore/caregiver/badante di utente/paziente con definite condizioni cliniche o socio-assistenziali di particolare impegno che devono effettuare prestazioni ambulatoriali (incluso il Pronto Soccorso) o destinati a ricoveri (da concordare con il Reparto).

Presentando la seguente documentazione:
• certificazione verde Covid-19 in forma cartacea o digitale
• documento d’identità
• autodichiarazione pre-triage sottoscritta (disponibile sul portale Asst)
• un tampone negativo covid eseguito entro le 48 ore precedenti.

Inoltre, alle stesse categorie di cui sopra è consentito l’accesso fino alle sale d’attesa esterne (ambulatori e pronto soccorso ove presenti), al massimo ad un accompagnatore per paziente, solo per i pazienti Non covid, munito di:
• certificazione verde Covid-19 in forma cartacea o digitale
• documento d’identità
• autodichiarazione pre-triage sottoscritta (disponibile sul portale Asst)
Al varco gli accompagnatori dovranno igienizzare le mani e verrà loro misurata la temperatura corporea: in caso di temperatura superiore ai 37.5°, sarà vietato l’ingresso.

La sicurezza dei pazienti e di tutte le persone che, per diversi motivi, devono accedere agli spazi della Asst, è la priorità: per questo, nel caso in cui le condizioni sanitarie e/o logistiche degli spazi non venissero ritenute idonee dal personale in quel momento presente nei reparti e nelle sale di attesa, l’accesso potrebbe temporaneamente precluso (per esempio, per evitare sovraffollamento). Le stesse regole di accesso verranno puntualmente aggiornate in considerazione delle diverse fasi pandemiche e saranno sempre pubblicate sul sito aziendale.
L’Asst Spedali Civili invita visitatori ed accompagnatori a seguire sempre le indicazioni del personale in servizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.