“Un anno di Covid”: la Poliambulanza in onda con Le Iene su Italia1

Domani, martedì 29 dicembre, in prima serata, una puntata interamente dedicata alla Sanità del nostro Paese, dove, in tre ore di trasmissione, si cercherà capire meglio cosa potrebbe aver funzionato e cosa no.

(red.) Si apre con le immagini girate all’interno dell’area Covid della Fondazione Poliambulanza di Brescia, una delle più grandi efficienze sanitarie presenti sul nostro territorio, dove medici e pazienti incontrati in reparto, commentano il Natale appena trascorso, tra distanze forzate e auguri pieni di speranza.
In onda domani, martedì 29 dicembre, in prima serata su Italia1, lo speciale de “Le Iene” dal titolo “Un anno di Covid”, una puntata interamente dedicata alla Sanità del nostro Paese, dove, in tre ore di trasmissione, si cercherà capire meglio cosa potrebbe aver funzionato e cosa no. Una prima riga di quello che è successo e di come è stato affrontato, in quello che è stato indubbiamente un anno pieno di sofferenza.

"Un anno di Covid", le Iene visitano la Poliambulanza di Brescia

L’inviato Gaetano Pecoraro, nello speciale di Riccardo Festinese, lo racconta così: “È il tentativo di tracciare una prima riga. Di congelare tutti i fatti mettendoli in fila, dall’inizio di questo anno terribile, e capire attraverso la nostra interpretazione di più su tutto quello che è successo. Lo speciale è diviso in due parti: nella prima un racconto che va dal giorno 1, in cui si sono registrati i primi casi di Coronavirus in Cina, a Whuan, nella seconda parte si cercherà di capire cosa non ha funzionato, facendo un affresco del nostro sistema sanitario.”
Nella prima parte dello speciale, contenuti inediti, interviste, racconti e immagini ripercorrono tutti i momenti in cui, un essere miscroscopico, – 20 volte più piccolo di un batterio, conosciuto per la malattia che provoca, Covid-19 – ha sconvolto il mondo dal punto di vista sociale, economico e anche psicologico.

"Un anno di Covid", le Iene visitano la Poliambulanza di Brescia

Nella seconda parte dello speciale tutte le inchieste che raccontano un sistema sanitario pieno di contraddizioni – realizzate dalla trasmissione di Italia1 negli ultimi due anni – che hanno preso il nome “Ospedali da incubo”, quando hanno raccontato le inefficienze ospedaliere e, “Ospedali da sogno”, quando, al contrario, hanno messo in luce le eccellenze presenti sul nostro territorio, osservati prima che arrivasse la prima ondata di Coronavirus.
Dal dottor Nazario Di Cicco che – dopo aver deciso di denunciare la malasanità degli ospedali di Caserta per cui è stato dapprima demansionato, poi licenziato e infine reintegrato – ha vinto la sua lunga battaglia legale, alle storie di ricercatori straordinari, come quella del dottor Franco Locatelli che opera al Bambin Gesù di Roma. La sua tecnica sperimentale “CartT” utilizza le cellule del sistema immunitario dei bambini affetti da leucemia, manipolandole geneticamente per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore.

E ancora, la Fondazione Poliambulanza di Brescia, uno degli ospedali più digitalizzati del territorio. Lì medici e personale sanitario utilizzano l’applicazione “UpToDate”, una sorta di enciclopedia online della medicina che permette di confrontarsi con luminari di tutto il mondo, e la cartella elettronica che permette di consultare, in pochi secondi, tutte le informazioni cliniche del paziente. L’utilizzo di questa tecnologia è in grado anche di segnalare eventuali errori nella prescrizione dei medicinali. In questo ospedale tutto è computerizzato, anche il magazzino di scorte dei medicinali che li traccia mettendoli in ordine di scadenza per evitare gli sprechi. Si parlerà anche del Rizzoli di Bologna: un’eccellenza pubblica del nostro sistema sanitario nazionale nel campo dell’ortopedia in cui opera il dottor Alessandro Gasbarrini, capace di ricreare, in carbonio, utilizzando una stampante 3D, le ossa della colonna vertebrale, dopo averle rimosse e studiate. Oppure come quelle “da Incubo”, come per il caso dell’interno degli ospedali della provincia di Bari, prima ristrutturati e poi riconvertiti in ambulatori, tra macchinari nuovissimi mai utilizzati e “controllori” con precedenti penali.

L’ultima parte di “Un anno di Covid” sarà dedicata alla relazione tra la malavita organizzata e la sanità, anche dal punto di vista finanziario. Gaetano Pecoraro ci spiega come, raccontandoci alcuni esempi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.