Quantcast

Tedesco uccise donna a Rezzato

Più informazioni su

La prostituta ghanese morì nel 2004. Il serial killer è un camionista suicida.

(red.) Un serial killer tedesco di 48 anni,  Volker Eckert, morto suicida nella sua cella in Germania il 2 luglio 2007 dopo aver confessato l'omicidio di sei donne, è considerato dalla polizia tedesca anche il probabile autore dell'omicidio di una prostituta di 25 anni, originaria del Ghana, avvenuto a Rezzato nel settembre 2004.
L'uomo, un camionista che si intratteneva nel suo camion con prostitute incontrate occasionalmente durante i suoi viaggi di lavoro e ne ha ammazzate diverse, si è impiccato nella sua cella Bayreuth, in Baviera, usando il cavo della televisione. La polizia bavarese lo considera l'autore di almeno 13 omicidi, tutti riguardanti donne e tutti ancora irrisolti, avvenuti in diversi paesi d'Europa.
L'uomo ha confessato di aver commesso sei assassinii, il primo dei quali all'età di 15 anni, ed è ora sospettato di averne compiuti altri sette, tra i quali quello di una prostituta ghanese uccisa nel 2004 a Rezzato, in provincia di Brescia, e di un'altra originaria della Sierra Leone uccisa a Troyes, in Francia, nell'agosto 2002 .
''Altri quattro casi irrisolti sono chiaramente collegati a Eckertm, di cui tre in Repubblica Ceca e uno in Francia'', ha detto la polizia tedesca.
Eckert caricava le prostitute a bordo della sua autocisterna durante i viaggi di lavoro, legava loro mani e braccia e le strangolava nella cuccetta del Tir durante l'atto sessuale.
Poi le fotografava con una Polaroid, tagliava loro un ciuffo di capelli e un frammento dell'abito prima di gettarne il corpo in un fossato lungo una delle grandi vie di comunicazione europee che percorreva regolarmente.
E' stato arrestato nel novembre 2006 grazie a un mandato di cattura europeo spiccato dalle autorità spagnole dopo il caso di una prostituta bulgara strangolata a Barcellona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.