Quantcast

Marone, frontale in galleria: muore ex sindacalista

Augusto Lorandi, 73enne di Costa Volpino e attivo nella Cisl, sulla sua Focus ha perso il controllo contro un furgone nella Trentapassi. Soccorsi inutili.

(red.) Nuova vittima sulle strade della provincia di Brescia. Ieri pomeriggio, giovedì 6 giugno, pochi minuti prima delle 17 si è verificato uno spaventoso incidente all’interno della galleria Trentapassi in territorio di Marone, sulla sp 510. E’ successo all’altezza di Vello e un 73enne, Augusto Lorandi, residente a Costa Volpino, nella bergamasca, ex sindacalista della Cisl, ha perso la vita sul colpo. L’uomo era alla guida della propria Ford Focus bianca quando stava risalendo il Sebino verso la Valcamonica. Ma dentro il tunnel – non è chiaro per quale motivo – ha sbandato verso sinistra nei pressi di una piccola curva. Dal senso opposto e in direzione di Iseo stava arrivando un furgone con a bordo tre operai di un’azienda edile di Rovato di rientro dal lavoro e il drammatico frontale è stato inevitabile.

La scena che si è presentata ai soccorritori è stata devastante, con il furgone che aveva perso la parte anteriore e l’altra auto accartocciata e bloccando all’interno il 73enne. Per tentare di aiutare l’uomo, che era anche un tesserato della sezione di Lovere dell’Associazione marinai d’Italia, gli occupanti del van hanno allertato il 112. Sul posto sono giunti gli operatori della Polizia Stradale per ricostruire la dinamica, insieme alle ambulanze da Pisogne e Lovere, l’automedica e anche l’elicottero proveniente dall’ospedale Civile di Brescia. Ma per l’ex sindacalista non c’era ormai più nulla da fare.

Sul furgone, invece, i tre occupanti sono rimasti feriti e uno di loro sarebbe in gravi condizioni, soccorso in codice rosso in volo verso il massimo ospedale cittadino. Gli altri due, medicati sul posto, sono stati poi condotti a Iseo e Lovere. Presenti anche i vigili del fuoco di Darfo Boario Terme che hanno ripulito la galleria e la carreggiata rimasta a lungo chiusa al traffico e deviando la circolazione verso le strade urbane, a partire dalla vecchia litoranea. La strada ha riaperto solo in serata e ora andranno avanti i rilievi per capire le cause dello scontro. Non è nemmeno escluso che la vittima abbia tentato un sorpasso. Sull’asfalto non sono stati trovati segni di frenata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.