Quantcast

Viale Venezia, 74enne muore investita

Anastasia D., residente in via Canalotto, martedì 1 è stata colpita da un'auto. La Locale ha eseguito i rilievi. La donna è deceduta in ospedale.

Più informazioni su

Foto da Bresciaoggi

Foto da Bresciaoggi

(red.) Si allunga la striscia di sangue sulle strade del Bresciano per la morte di un altro pedone. Nel tardo pomeriggio di martedì 1 marzo una donna di 74 anni, Anastasia D., originaria di Domodossola, ma residente in via Canalotto a Brescia, è stata investita da un’auto. L’impatto è avvenuto intorno alle 19 tra viale Venezia e via Benacense, non lontano da piazza Arnaldo e dalla sua abitazione. La dinamica è al vaglio della sezione Infortunistica della polizia locale di Brescia allertata sul posto dopo la chiamata dei soccorsi. Alla guida della vettura, una Toyota Rav4, c’era una signora di 51 anni che stava rientrando a casa nella periferia orientale della città. Le forze dell’ordine hanno raccolto tutti i rilievi necessari per capire come sia avvenuto l’incidente. Forse una distrazione dell’autista, oppure l’improvviso attraversamento della strada da parte dell’anziana.
Sul luogo, a poca distanza, si trovano anche le strisce pedonali all’altezza di una fermata dell’autobus. Ma non è certo che la donna abbia percorso a piedi quel tratto per raggiungere l’altro capo della strada. Lo scontro è stato molto violento, tanto che sul cofano dell’auto sono rimasti visibili i segni dell’anziana, poi sbalzata a terra per alcuni metri. La conducente si è subito fermata per prestarle assistenza e, insieme a chi aveva assistito alla scena, ha allertato il 112. Sul posto, oltre agli agenti della municipale, sono arrivate l’automedica e un’ambulanza di Brescia Soccorso. La 74enne è stata trasportata in gravi condizioni all’ospedale Civile di Brescia dove, però, è morta intorno alle 21. E’ il secondo episodio di morte in pochi giorni ai danni di un pedone dopo quello di Gianpietro Muscio avvenuto in via Bornata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.