Non ce l’ha fatta il 29enne di Roccafranca

Riccardo Bosetti, 29 anni, era finito fuori strada nella notte tra Natale e Santo Stefano, cadendo con l'auto nel canale sottostante la rotatoria di via Verolanuova a Orzinuovi.

(red.) Non ce l’ha fatta a sopravvivere alle gravi conseguenze delle ferite riportate nell’incidente avvenuto tra la notte di Natale e Santo Stefano a Orzinuovi.
Dopo 72 ore di lotta tra la vita e la morte e quando oramai le speranze erano ridotte ad un lumicino, Riccardo Bosetti, 29enne di Roccafranca (Brescia) è spirato al Mellino Mellini di Chiari, ospedale in cui era stato ricoverato dopo il tragico fuori strada.
Il giovane era a bordo di una Audi A4, quando, giunto in prossimità  di una rotonda posta in via Verolanuova nel paese orceano ha tagliato la curva, finendo direttamente, dopo avere sfondato il guard rail e la rete di protezione nel canale sottostante la rotatoria, profondo un paio di metri. L’auto è poi finita nel canale gelido, ribaltandosi.
Il 29enne è rimasto incastrato nelle lamiere dell’abitacolo finito nell’acqua. Ad accorgersi della presenza dell’auto nel canale sottostante la rotatoria forse un passante che, attorno alle 3 di notte ha lanciato l’allarme.
Sul posto sono giunti i vigili del fuoco volontari del distaccamento di Orzinuovi che hanno etsratto Bosetti dall’auto e quindi la corsa disperata all’ospedale dove il ragazzo era stato ricoverato in condizioni disperate. Quindi, il tragico epilogo.
I funerali di Riccardo sono fissati per sabato 31 alle 10 nella chiesa parrocchiale di Roccafranca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.