Quantcast

Frontale a Montirone, una vittima

Più informazioni su

ambulanza1.jpgSi tratta di Antonietta Ramus. Feriti anche marito e figlia. Colpa di un'auto pirata?


(red.) Ancora sangue sulle strade della provincia di Brescia. Giovedì pomeriggio intorno alle 14, una donna di 60 anni, Antonietta Ramus, è morta per le ferite riportate in uno schianto fra due auto avvenuto lungo la provinciale 24, che collega Montirone con Ghedi.
La vittima, residente a Ghedi ma originaria di Edolo, era alla guida di una Fiat Punto diretta verso Brescia  che – per circostanze ancora al vaglio degli inquirenti – si è scontrata con una seconda vettura, una Seat Cordoba proveniente dalla direzione opposta e guidata da D.F., una 35enne di Montirone, che poi è finita fuori strada.
Sembra tuttavia, secondo i rilievi effettuati dalla Polstrada di Montichiari, che all'origine della tragedia ci sia un sorpasso azzardato da parte di una terza vettura, una Ford Station Wagon di colore scuro, che avrebbe superato alcune auto costringendo la persona al volante della Cordoba a sterzare bruscamente, andando a colpire l'utilitaria su cui viaggiava Antonietta Ramus.
Dopo lo scontro la Ford si è allontanata facendo perdere le proprie tracce. La polizia la sta ricercando per verificare se il conducente non si sia accorto di niente, oppure se sia volutamente fuggito dal luogo in cui aveva provocato il disastro.
Feriti gravemente anche il marito e la figlia della donna deceduta, Lodovico Treccani di 62 anni e Cristina di 17, i quali sono stati ricoverati, in prognosi riservata, rispettivamente al Civile e alla Poliambulanza di Brescia.
Serie anche le condizioni della 35enne di Montirone che viaggiava sull'altra vettura coinvolta nello schianto: è stata portata alla Poliambulanza.
Sul posto i sanitari inviati dalla centrale operativa del 118, i quali purtroppo non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della 60enne di Ghedi. La circolazione sulla Sp 24 è stata interrotta per diverso tempo per consentire il recupero dei mezzi incidentati e di svolgere i rilievi del sinistro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.