Quantcast

Lavoro e vaccinazioni anti-covid a Brescia: crescita del 6% tra i 20 e i 59 anni

Più informazioni su

(red.) Nei primi venti giorni di ottobre la percentuale dei bresciani in età lavorativa che hanno ricevuto la prima dose di vaccino è cresciuta mediamente del 6,1%.
Il monitoraggio condotto dalla Cisl sulla base dei dati forniti dall’Ats di Brescia e dell’Ats della Montagna nella fascia d’età compresa tra i 20 e i 59 anni rileva che tra il 3 e il 21 ottobre sono stati complessivamente 39.024 lavoratori che hanno avviato la copertura vaccinale, 66.744 quelli che nello stesso periodo l’hanno completata.
Dall’avvio della campagna vaccinale ad oggi nella fascia d’età 20/59 anni sono 572.974 coloro che hanno ricevuto la prima dose di vaccino , 551.265 quelli che hanno ricevuto anche la seconda. Alla data del 21 ottobre le prenotazioni per la prima dose nella fasce d’età considerata erano 1.054.

“L’entrata in vigore dell’obbligo del green pass sul luogo di lavoro – osserva Paolo Reboni della Segreteria provinciale della Cisl – ha sicuramente contribuito ad accelerare la vaccinazione. Secondo le nostre stime ci sono però 42.148 lavoratori tra i 20 e i 59 anni che non hanno ancora iniziato il programma di copertura vaccinale. La speranza è cresca negli indecisi la convinzione che la vaccinazione è indispensabile, per se stessi e per gli altri”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.