Quantcast

Carolina Zani Melanoma Foundation entra in Global Coalition For Melanoma Patient Advocacy

(red.) “Carolina Zani Melanoma Foundation” ha compiuto un nuovo e importante passo lo scorso settembre entrando a far parte della “Global Coalition For Melanoma Patient Advocacy”, l’ente californiano che dal 2014 riunisce organizzazioni da tutto il mondo con lo scopo di sensibilizzare ed aiutare le persone affette da melanoma.
L’attività di sensibilizzazione è uno dei principali focus della Carolina Zani Melanoma Foundation. In particolare negli ultimi mesi la Fondazione si è attivata con campagne di divulgazione intitolate: “RiGuardati: tieni d’occhio la tua pelle”, attraverso le quali ha donato oltre 700 visite dermatologiche con mappatura dei nei gratuite, in collaborazione con Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero di Brescia, la Casa di Cura Villa Barbarano di Salò e l’Ospedale di Desenzano del Garda.
Sempre in ottica di prevenzione Carolina Zani Melanoma Foundation prende parte a un nuovo progetto, dal respiro mondiale: “Global Coalition For Melanoma Patient Advocacy”.
Insieme alle altre 43 organizzazioni attive nella Coalizione, si unisce alle 3 italiane già presenti: Gruppo Melanoma EORTC, Associazione Contro il Melanoma OdV, Melanoma Italia ONLUS aderendo e condividendo i valori dell’organizzazione statunitense.
La realtà della Fondazione è infatti inserita tra i membri dell’organizzazione, visibili nella pagina dedicata del “Chi siamo”: https://www.globalmelanoma.org/ .

Un’adesione importante che la Fondazione ha promosso e fortemente voluto come racconta Patrizia Ondelli, Fondatrice e Presidente del Consiglio di Indirizzo: «È un onore ed un privilegio per la Carolina Zani Melanoma Foundation entrare a far parte della Global Coalition Melanoma for Patient Advocacy.
La coalizione internazionale è una rete che unisce associazioni e fondazioni, gruppi di patient advocacy e comunità farmaceutiche e da oggi anche noi, verso l’obiettivo ultimo di eradicare il melanoma. Obiettivo questo che accomuna tutti i suoi membri e che potrà essere raggiunto attraverso l’implementazione di quelle che sono anche le aree di intervento della nostra Fondazione come: la diffusione di programmi di prevenzione, di diagnosi precoce, di miglioramento dell’accesso ai trattamenti, del sostegno alla ricerca e del sostegno al paziente. La forza della Global Coalition Melanoma è la condivisione: unire le forze è una straordinaria opportunità che facilita il raggiungimento dei risultati e dà a tutti l’opportunità di condividerne i benefici» e conclude «Siamo particolarmente soddisfatti di essere parte della Global Coalition Melanoma perché la creazione di collaborazioni a livello globale con altre organizzazioni per debellare questa malattia è uno degli obiettivi che ci siamo posti sin dalla costituzione della Carolina Zani Melanoma Foundation».

La “Global Coalition For Melanoma Patient Advocacy” ha organizzazioni provenienti da 28 paesi diversi e partner in tutto il mondo è il suo operato è strutturato in tre aree distinte con obiettivi differenti.

«Il Comitato Direttivo della Coalizione Globale è orgoglioso di dare il benvenuto alla Fondazione Carolina Zani in Italia, come nuovi membri della Coalizione Globale per la difesa dei pazienti con melanoma» ha desiderato sottolineare Ivis Alfaro, Senior Project officer alla Global Coalition.

Nell’area “Patient Advocacy and Access to Treatment” è impegnata anche la Carolina Zani Melanoma Foundation che si propone oggi sul territorio come promotrice di iniziative e attività mirate a sostenere la ricerca e diffondere la cultura della prevenzione. Un sostegno che rientra a pieno titolo negli scopi portati avanti dalla “Global Coalition For Melanoma Patient Advocacy” e che vengono concretizzati da questa adesione.

Un traguardo importante che rappresenta un ulteriore salto verso: “Control Alt Cancer. Combatti il Melanoma. Riavvia la vita!”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.