Covid, salgono i contagi (+50%) ed i decessi (+16,3%)

È quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe nella settimana 22-28 giugno, rispetto a quella precedente. Giovedì, nel bresciano, i nuovi positivi sono stati 1.344: erano 2.700 mercoledì.

Brescia. Circolazione virale in forte ascesa. Continuano a salire i nuovi casi di Covid (+50,4%), aumentano i ricoveri ordinari (+25,7%) e le terapie intensive (+15%). Tornano a crescere anche i decessi (+16,3%). È quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe nella settimana 22-28 giugno, rispetto a quella precedente. Quanto ai casi attualmente positivi, sono 384.093 a fronte dei 255.442 della settimana precedente e i decessi sono 392 contro 337.

Crescono anche i casi attualmente positivi (da 599.930 a 773.450), le persone in isolamento domiciliare (da 594.921 a 767.178), i ricoveri con sintomi (da 4.803 a 6.035) e le terapie intensive (da 206 a 237).
A Brescia, giovedì 30 giugno, sono stati 1.344 nuovi contagiati nel Bresciano, 12.082 in Lombardia ((25,9%) e 83.274 in Italia.

«Prosegue l’impennata dei nuovi casi settimanali (+50,4% rispetto alla settimana precedente) – dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – che si attestano intorno a 384 mila, con una media mobile a sette giorni che sfiora quota 55 mila casi al giorno».
Nella settimana 22-28 giugno tutte le Regioni registrano un incremento percentuale dei nuovi casi: dal 27,7% della Lombardia all’80,2% del Molise. Rispetto alla settimana precedente, in tutte le Province si rileva un aumento percentuale dei nuovi casi (dal +12,2% di Sondrio al +102,5% di Asti).

«Dobbiamo rinnovare ogni giorno l’appello ad over 80 e fragili di procedere alla quarta dose e a chi non ha ancora completato il ciclo con il booster di farlo il prima possibile: solo così, anche nel caso di una recrudescenza del virus, saranno più protetti da conseguenze gravi» ha detto Cartabellotta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.