Quantcast

Covid, Rt supera quota 1: “Usare mascherine in ambienti affollati”

La vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti: "Serve prudenza, malattia insidiosa. Fondamentale quarta dose per i fragili e gli over80".

Brescia. «La crescita dell’incidenza dei contagi Covid ha avuto un rimbalzo negli ultimi dieci giorni in tutta Europa, anche in Lombardia. L’indice RT supera quota 1. Tutto questo ci induce ad assumere atteggiamenti di prudenza». Lo ha affermato, in una nota, la vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti.
Si è infatti registrata un’impennata di casi, con un tasso di positività volato sopra il 20% sia in Italia sia nella nostra regione. Nel bresciano i nuovi casi sono stati, martedì, oltre mille (1.019)
«Il Covid – ha aggiunto – è una malattia multisistemica insidiosa che può causare danni di lungo periodo all’organismo». «Utilizzare le mascherine negli ambienti affollati è una precauzione che ci costa poco e ci aiuta a non ammalarci e a non contagiare a nostra volta i nostri amici e i nostri cari. Una buona prassi che quindi continuo a raccomandare».

«La vaccinazione con quarta dose dei fragili e degli anziani con più di 80 anni –ha sottolineato la vicepresidente – è poi fondamentale per la loro protezione. Considerata la forte contagiosità delle varianti Omicron, non bisogna aspettare, confidando nell’estate».
«Regione Lombardia – ha ribadito Letizia Moratti – vanta una delle popolazioni più vaccinate al mondo con il 91,2% degli over 60 che ha ricevuto la terza dose. Non disperdiamo, con comportamenti di sottovalutazione o imprudenti, questo patrimonio di protezione che abbiamo acquisito grazie alla convinta adesione della popolazione lombarda e che si riflette in un basso numero di ricoverati in terapia intensiva e in reinfezioni con decorsi non particolarmente gravi, ma pur sempre insidiosi».
«Invito tutti i cittadini lombardi, soprattutto anziani e fragili – ha concluso la vicepresidente – a non abbassare la guardia».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.