Quantcast

Zooprofilattico, 100 anni di storia e nuove sfide per il futuro

Nel corso del convegno di venerdì a Santa Giulia l'annuncio che Izsler diventerà il primo laboratorio italiano veterinario e di sanità umana per lo studio di malattie infettive.

Brescia. Venerdì 13 maggio presso l’Auditorium Santa Giulia a Brescia si è tenuta una giornata di studi interamente dedicata a ricordare e festeggiare i 100 anni di impegno dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna “Bruno Ubertini”, organizzata in collaborazione con la Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche.
Una giornata di riflessione condivisa con tutti gli stakeholder, rivolta ad analizzare il passato e a tracciare importanti traiettorie future.

Il denso programma di convegni ed iniziative ha visto la partecipazione, tra le numerose figure istituzionali, associative e tecniche presenti, del sottosegretario al Ministero della Salute Andrea Costa. Per Regione Lombardia il vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, e l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, il bresciano Fabio Rolfi. Dall’Emilia Romagna Raffaele Donini, assessore alle Politiche per la Salute e Giuseppe Diegoli, Responsabile Servizio Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica, Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare.

La giornata ha visto anche la proposta di relazioni legate al piano di sviluppo programmatico di IZSLER, presentato dal DG Piero Frazzi, e il ruolo della Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche al suo fianco, descritto dal Presidente Costantino Vitali. Nel programma, inoltre, tavole rotonde di confronto, l’intervento delle associazioni di produttori Confagricoltura e Coldiretti e una mostra-museo che accoglie attrezzature e immagini del passato per testimoniare quell’eredità culturale dalla quale prende le mosse il percorso scientifico e di crescita di IZSLER nella sanità pubblica veterinaria.

Nel corso dell’evento è stato anche annunciato che l’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, diventerà il primo laboratorio italiano veterinario e di sanità umana per lo studio di malattie infettive, l’antibiotico-resistenza e le interazioni tra animali e uomo. A breve verrà sottoscritta la convenzione per l’accreditamento con l’Agenzia di tutela della salute (Ats) di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.