Draghi: “Stop stato di emergenza sanitaria dal 1 aprile”

L'annuncio del premier Mario Draghi: "Metteremo gradualmente fine all’obbligo di utilizzo del certificato verde rafforzato. Obiettivo è riaprire del tutto".

(red.) “La situazione epidemiologica è in forte miglioramento, grazie al successo della campagna vaccinale, e ci offre margini per rimuovere le restrizioni residue alla vita di cittadini e imprese. Voglio annunciare che è intenzione del Governo non prorogare lo stato d’emergenza oltre il 31 marzo”.
Sono le parole del premier Mario Draghi, mercoledì in visita al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, con cui di fatto per la prima volta sancisce la data di scadenza dello stato di emergenza sanitaria più volte prorogato in questi mesi a seguito delle diverse ondate di contagio.

Dal primo aprile, dunque, “non sarà più in vigore il sistema delle zone colorate. Le scuole resteranno sempre aperte per tutti: saranno infatti eliminate le quarantene da contatto. Cesserà ovunque l’obbligo delle mascherine all’aperto, e quello delle mascherine FFP2 in classe. Metteremo gradualmente fine all’obbligo di utilizzo del certificato verde rafforzato, a partire dalle attività all’aperto – tra cui fiere, sport, feste e spettacoli. Continueremo a monitorare con attenzione la situazione pandemica, pronti a intervenire in caso di recrudescenze. Ma il nostro obiettivo è riaprire del tutto, al più presto”, ha sottolineato il capo dell’esecutivo.

“L’Italia è in ripresa, ma il Governo intende continuare ad aiutare chi è in difficoltà – ha rassicurato il presidente del Consiglio. Gli aiuti sono arrivati – per il settore del turismo, colpito duramente dalla pandemia. Nel più recente decreto ristori  stanziamo altri 100 milioni per il Fondo Unico Nazionale del Turismo, che si aggiungono ai 120 milioni stanziati con la Legge di Bilancio. Sempre nello stesso decreto, aiutiamo gli operatori del settore con la decontribuzione per i lavoratori stagionali e un credito d’imposta per gli affitti di immobili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.