Quantcast

Green Pass e negozi esenti, ecco il nuovo Dpcm dal 1 febbraio

Le attività escluse dall’obbligo di presentazione del super Green Pass sono “solamente quelle di carattere alimentare e prima necessità, sanitario, veterinario, di giustizia e di sicurezza personale”.

(red.) Ipermercati, farmacie, benzinai, Questura. Sono queste alcune delle attività in cui sarà consentito entrare dal 1° febbraio senza Green Pass.
Il governo ha ultimato l’analisi del Dpcm che il Premier Draghi firmerà nelle prossime ore e che rappresenterà un giro di vite per coloro che non si sono ancora vaccinati o che non vogliono farlo.
Nella bozza del Dpcm si sottolinea che “nell’attuale contesto emergenziale” le attività escluse dall’obbligo di presentazione del super Green Pass sono “solamente quelle di carattere alimentare e prima necessità, sanitario, veterinario, di giustizia e di sicurezza personale”.

Fra le novità del Dpcm c’è la possibilità di entrare in un ipermercato ma con molte limitazioni: si potrà fare la spesa alimentare, non acquistare beni non necessari, con l’obbligo dell’esercente di effettuare controlli a campione.
Sarà poi possibile andare in Questura, ma solo per effettuare denunce, per illeciti per ragioni di sicurezza e di tutela dei minori, non per atti di natura amministrativa come il passaporto.
Confermata l’esclusione delle tabaccherie, che non sono più considerate un servizio essenziale, al contrario di quando si era deciso durante il lockdown.

Il Dpcm definirà poi quali sono i servizi essenziali della persona, che non saranno soggetti all’obbligo di presentazione del Green Pass semplice (con tampone) o rafforzato (quello con vaccino o guarigione).
Fra le attività ammesse vi sono: ipermercati, supermercati, discount, minimercati e in genere gli esercizi che vendono beni alimentari (drogherie, macellerie, frutterie ecc).
Negozi che vendono legna, pellet e ogni tipo di combustibile per il riscaldamento ad uso domestico; negozi di articoli igienico-sanitari, farmacie, parafarmacie, negozi di articoli medicali, ortopedici e di ottica. Uffici Postali e banche solo per riscuotere la pensione; questure e tribunali solo per denunce, tutela minori, ragioni di sicurezza; strutture sanitarie e sociosanitarie ed anche veterinarie.

Tutte le altre attività saranno soggette alla presentazione del Green Pass base o rafforzato. Tanto per fare qualche esempio: tutti i negozi che non siano di generi alimentari, librerie, edicole, tabaccai, parrucchieri, barbieri ed estetiste, studi dentistici, poste e banche per servizi doversi dalla riscossione della pensione.
Il governo sta ragionando anche su nuovi ristori per circa 360 milioni a favore di una serie di attività in crisi a causa delle  restrizioni anti-Covid. Fra queste discoteche, piscine, strutture turistiche e così via.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.