Quantcast

Mascherine all’aperto anche a Lonato e Carpenedolo

I due comuni bresciani hanno emesso l'ordinanza che prevede l'obbligo del dispositivo di protezione individuale anche durante le tradizionali fiere agricola e del torrone.

(red.) Anche a Lonato e a Carpenedolo entra in vigore l’obbligo di mascherine all’aperto. 
Nei due paesi bresciani è scatta l’ordinanza dei sindaci che, nel paese gardesano scatta da questo lunedì e rimarrà fino al 16 gennaio: anche durante la tradizionale fiera agricola di Sant’ Antonio, dal 14 al 16 gennaio, imporrà ai visitatori l’obbligo di usare dispositivi di protezione all’aperto. Un obbligo che viene esteso anche durante il mercato settimanale del giovedì e della fiera mensile di antiquariato e modernariato “Mercantico” e del mercato contadino del sabato mattina.
Intensificati i controlli da parte della Polizia locale, con possibilità di sanzioni che vanno dai 400 ai mille euro, in caso di violazione dell’obbligo.

Stesso scenario a Carpenedolo dove il primo cittadino ha emanato una ordinanza analoga, anche in vista della tradizionale Fiera del torrone, in programma martedì 7 e mercoledì 8 dicembre e oramai giunta alla 16esima edizione.
Gli stand (65) verranno collocati nelle vie e nelle piazze del centro storico dove sarà in vigore l’obbligo della mascherina.
Obbligo che è esteso anche all’area delle giostre nel piazzale della palestra Athene nel periodo dal 4 al 10 dicembre.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.