Quantcast

Combattere le pandemie del futuro, un incontro martedì in San Barnaba

Più informazioni su

Riflettere sui temi sanitari più rilevanti sollevati dall’attuale pandemia e provare a tracciare una rotta verso il futuro: sarà questo il tema portante dell’ultimo appuntamento dei Pomeriggi della Medicina, ciclo di incontri aperti a tutta la cittadinanza, promossi da Comune di Brescia e Ordine dei Medici.
Il terzo ed ultimo incontro, dal titolo Il mondo che verrà – Verso una salute globale per combattere le pandemie del futuro, è in programma martedì 23 novembre alle ore 17.30 in auditorium San Barnaba di corso Magenta, a Brescia.
Con l’intervento di un infettivologo – Francesco Castelli, direttore della Clinica di Malattie Infettive e Tropicali, Università degli Studi e Spedali Civili di Brescia – e di un epidemiologo – Francesco Donato, ordinario di Igiene, responsabile dell’Unità di Igiene, Epidemiologia e Sanità pubblica all’Università degli Studi di Brescia – verranno messi a fuoco alcuni interrogativi oggi ineludibili. Dobbiamo aspettarci altre pandemie? Come possiamo prepararci? Quali sono le azioni in termini di prevenzione che possiamo mettere in campo già adesso? Quali le lezioni che dovremmo avere imparato dall’ultimo anno e mezzo? Questioni che verranno contestualizzate anche nella dimensione del nostro territorio, che più di altri ha subito l’ondata Covid.
Le conclusioni saranno affidate a Donatella Albini, consigliera delegata del sindaco per la Sanità, e Ottavio Di Stefano, presidente dell’Ordine dei Medici di Brescia.
L’incontro è gratuito. Alla luce delle precauzioni anti-Covid, per questa edizione speciale l’accesso in auditorium San Barnaba è possibile solo su prenotazione, da effettuare su pomeriggidellamedicina.it. E’ inoltre richiesta l’esibizione del Green Pass.
Diretta streaming sulla pagina Facebook ordinemedicibrescia.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.