Quantcast

Scienza e società di fronte alla pandemia, se ne parla martedì in San Barnaba

Il complesso rapporto tra scienza e società evidenziato dalla pandemia da Covid-19 e le incomprensioni che ne derivano sono al centro del secondo appuntamento dei Pomeriggi della Medicina, ciclo di incontri aperti a tutta la cittadinanza, promossi da Comune di Brescia e Ordine dei Medici.
L’età dell’incertezza – Scienza e società alla prova della pandemia è il titolo dell’appuntamento, in programma martedì 16 novembre alle ore 17.30 in auditorium San Barnaba di corso Magenta, a Brescia.
Insieme a Umberto Gelatti, ordinario di Igiene generale e applicata all’Università degli Studi di Brescia, si rifletterà su come questa pandemia, che ci ha posto davanti a un nemico ignoto, abbia influito non solo sul modo di fare e pensare la scienza, ma anche sulle modalità di comunicarla. Da un lato, infatti, sono stati raggiunti importanti traguardi (come i vaccini anti-Covid) e ci si è incamminati verso nuove frontiere di ricerca in ambito terapeutico. Dall’altro, tuttavia, si sono generate incomprensioni e fraintendimenti fra il linguaggio della scienza e quello della società civile, spesso disorientata davanti alla cosiddetta “infodemia” pandemica, ovvero la circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, alcune attendibili, altre no, che rendono difficile la corretta interpretazione dei temi più attuali.
Le conclusioni sono affidate a Germano Bettoncelli, medico di medicina generale e coordinatore della commissione Cultura e aggiornamento dell’Ordine dei Medici. Modera Lisa Cesco, giornalista.
Gli incontri sono gratuiti. Alla luce delle precauzioni anti-Covid, per questa edizione speciale l’accesso in auditorium San Barnaba è possibile solo su prenotazione, da effettuare su pomeriggidellamedicina.it. E’ inoltre richiesta l’esibizione del Green Pass.
Gli appuntamenti verranno trasmessi anche in diretta streaming sulla pagina Facebook ordinemedicibrescia.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.