Quantcast

In piazza Vittoria alcune centinaia di No Green Pass

(red.) Anche questo sabato pomeriggio hanno manifestato in migliaia a Milano, a Torino e in altre città dell’Italia del Nord. A Brescia si sono dati appuntamento in piazza Vittoria in alcune centinaia (forse 400) per testimoniare pubblicamente la propria opposizione all’obbligo di Green Pass, la certificazione verde anti-Covid che sta diventando obbligatoria (o quasi) con le indicazioni del governo per le scuole, per avere accesso ad alcuni servizi, per la vita quotidiana e per alcune categorie di lavoratori.
Chi interveniva si metteva al collo un rotolo di carta igienica verde. Molti hanno raccontato la propria esperienza: tra loro anche infermieri e operatori sanitari ai quali, avendo deciso di non vaccinarsi,  è stato sospeso lo stipendio.
Gli slogan erano quelli soliti del movimento: “No alla dittatura sanitaria”, “Libertà”. A manifestare diverse famiglie con bambini, coppie di pensionati, ma soprattutto studenti e lavoratori: “Siamo una piazza pacifica e siamo contrari a ogni forma di violenza”, è stato detto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.