Quantcast

Vaccini: terza dose? In Lombardia il piano è pronto

Secondo Guido Bertolaso, consulente al Welfare lombardo, è "un'indiscutibile esigenza" prepararsi all'eventualità di una nuova somministrazione da settembre.

(red.) È “un’indiscutibile esigenza” prepararsi alla somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid secondo Guido Bertolaso, consulente della Regione Lombardia per la campagna vaccinale, che insieme ai vertici regionali ha predisposto un piano al riguardo.

“Aspettiamo l’input delle autorità sanitarie. Il tempo per decidere è oggi, al massimo i primi di settembre”, ha detto in un’intervista a Il Corriere della Sera. È probabile che con il tempo l’immunità data dall’iniezione cali, “al momento consideriamo che la protezione del vaccino duri nove mesi”, ha affermato Bertolaso.

A settembre, dunque, con il rientro dalle ferie e la ripresa delle attività produttive e delle scuole, nell’ipotesi di nuove ondate, le terze dosi potrebbero diventare necessarie, soprattutto per “gli anziani che vivono in Rsa, il personale sanitario e i fragili: gli over 60 e chi ha patologie”, ha afferma il consulente. Il piano prevede il superamento della vaccinazione di massa.

“Per il nuovo richiamo ci concentreremo non più sui grandi hub, ma su poli medio-piccoli, strategicamente localizzati sul territorio. Approssimativamente uno ogni 100-150mila abitanti”. Saranno coinvolti medici di famiglia, imprese e farmacie con “piccole strutture di riferimento”, mentre dei grandi hub ne resterà uno per provincia, ha aggiunto. Una possibilità, dunque, che riguarda anche il territorio bresciano. Il piano è stato “studiato a luglio” e portato a Roma dall’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti e discusso con il generale Francesco Figliuolo. “Abbiamo ricevuto apprezzamenti”, ha chiosato Bertolaso.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.