Quantcast

Vaccino anti-covid, in Lombardia si aspetta per prenotazioni over 40

Già 60 mila bresciani hanno aderito per la fascia 50-59 anni. Entro la settimana in arrivo nuove dosi.

(red.) Nell’arco di tre giorni, da lunedì 10 maggio, sono quasi 60 mila i bresciani della fascia d’età dai 50 ai 59 anni che si sono prenotati alla campagna di vaccinazione. E già ieri, mercoledì 12, il commissario straordinario all’emergenza nazionale Francesco Figliulo ha scritto alle regioni prevedendo che già da lunedì 17 possa iniziare anche l’adesione per gli over 40, quindi per i nati dal 1981. Ma su questo fronte la Regione Lombardia, per voce del governatore Attilio Fontana, dovrà al momento aspettare. “Per ora siamo pieni di appuntamenti per i 50-60enni e fino al 20 maggio – ha detto – abbiamo la programmazione delle dosi che ci verranno consegnate. Solo dal 20 valuteremo eventualmente di allargare la platea”.

E il presidente della Regione si è anche soffermato sul fatto che in alcune regioni italiane il vaccino di AstraZeneca rimanga nei frigoriferi. “Il commissario Figliuolo – scrive l’Ansa riportando l’intervento del governatore – ci ha detto che stanno facendo le valutazioni del caso. Noi lombardi abbiamo il grande merito che li utilizziamo tutti senza alcun problema”. E proprio in Lombardia “la macchina delle vaccinazioni, con il 95,5% delle dosi somministrate su quelle consegnate, al momento non può andare a pieno regime e superare il target delle 85mila dosi quotidiane – ha aggiunto l’assessore al Welfare Letizia Moratti – però le 573 mila adesioni dei cinquantenni lombardi a nemmeno tre giorni dall’apertura alla loro fascia d’età testimoniano della forte volontà della Lombardia di riprendere in mano il proprio destino e di tornare a una vita più normale anche grazie al green pass”.

Nel momento in cui la campagna di adesione si potrà aprire anche per gli over 40, sono quasi 190 mila i bresciani interessati. Ma non solo, perché in vista di settembre e del nuovo anno scolastico si valuta di iniziare già ai primi di luglio anche con i ragazzi dai 12 ai 15 anni utilizzando il vaccino Pfizer quando, a metà giugno, è atteso il pronunciamento dell’Ema e di Aifa per il via libera. Intanto entro questa settimana in provincia sono in arrivo altre dosi tra Pfizer (47 mila), Johnson&Johnson (3 mila) AstraZeneca (6.400) e Moderna (7 mila).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.