Quantcast

Coronavirus a scuola, in Lombardia si parte con i tamponi salivari

Sperimentazione tra maggio e giugno sui bambini dall'asilo fino alle medie, a regime dal prossimo anno scolastico.

(red.) Tra la fine di maggio e i primi giorni di giugno in Lombardia, tra le scuole interessate ad aderire alla sperimentazione, si inizierà a sottoporre il tampone salivare agli studenti per verificare la presenza del Covid-19. Questo è quanto emerso ieri, martedì 4 maggio, dal Consiglio regionale in cui la vicepresidente della Commissione sanità, la bresciana Simona Tironi, ha presentato e si è vista approvare all’unanimità una mozione con cui impegnare la Giunta a procedere.

Di fatto sarà un monitoraggio ancora più ampliato insieme a quello classico dei tamponi rapidi e molecolari. Ma non solo una nuova campagna di screening, bensì anche un piano regionale definito. L’idea, come detto, è di partire con la sperimentazione tra maggio e giugno sui bambini iscritti dall’asilo fino alle scuole medie e quindi under 14. E con l’inizio del nuovo anno scolastico porre il servizio a regime. Le Ats dovranno occuparsi di fare una ricognizione sul territorio lombardo, mentre si iniziano a comprare i primi 10 mila tamponi salivari. All’iniziativa hanno lavorato le professoresse Valentina Massa ed Elisa Borghi dell’Università Statale di Milano.

Nel frattempo sempre ieri in Consiglio l’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti ha sottolineato che al momento non è stato sequenziato alcun caso di variante indiana, vedendo prevalere invece, di gran lunga, quella inglese. E ha anche annunciato che porterà al tavolo della conferenza Stato-Regioni la necessità di una genotipizzazione più marcata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.