Quantcast

Coronavirus a Brescia, altri 13 morti ma pressione in calo sugli ospedali

Sono 4.227 le vittime da inizio pandemia in provincia. Solo in Valcamonica la pressione resta ancora alta.

(red.) La curva del contagio dei nuovi casi da coronavirus in provincia di Brescia, seppure ormai in calo da settimane, continua a mantenere dei ritmi altalenanti come è normale che sia guardando ai tamponi che ogni giorno vengono processati. Tuttavia, un dato che purtroppo resta presente è quello dei deceduti. Nelle ore precedenti a venerdì 16 aprile si sono registrate altre tredici vittime a causa o con la presenza del Covid-19 e facendo salire il conto a 4.227 dall’inizio dell’emergenza sanitaria. E in questi tredici ci sono anche tre vittime della Valcamonica e nonostante i dati siano legati al periodo che va dal 21 marzo al 14 aprile.

I numeri che, invece, si confermano soddisfacenti sono quelli della pressione in continuo calo sugli ospedali per una tendenza che in generale riguarda l’intera provincia di Brescia. Agli Spedali Civili si è passati ai 303 ricoverati totali di ieri, giovedì 15 aprile, all’Asst del Garda a 152, in Franciacorta a 56, 89 alla Poliambulanza e 107 negli ospedali del gruppo San Donato. Al contrario, si resta intorno ai 100 in Valcamonica che rimane una delle zone più colpite in provincia dal contagio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.