Quantcast

Vaccino Johnson & Johnson già bloccato, prima negli Usa e poi in Europa

Il rischio è che possa causare una “rara e severa” forma di trombosi. Finora sei donne ne sarebbero state colpite in America, e una è deceduta.

(red.) Il vaccino anti-covid di Johnson & Johnson non ha fatto neppure in tempo a essere consegnato in Italia ed è già fermo. Negli Stati Uniti le autorità sanitarie hanno raccomandato l’immediata sospensione totale dell’utilizzo del vaccino per il rischio che possa causare una “rara e severa” forma di trombosi. Finora sono sei le donne colpite in America da queste reazioni al vaccino e una paziente è morta.
L’azienda statunitense ha comunicato che, d’accordo con le autorità Ue, ha deciso di rinviare le consegne in Europa in chiave precauzionale. Proprio oggi era previsto l’arrivo delle prime 184mila dosi in Italia.
Le donne colpite da trombosi hanno tra i 18 e 48 anni di età e la reazione è arrivata tra i sei e i 13 giorni dall’inoculazione. Oltre alla morta, una seconda paziente è in gravi condizioni. E’ possibile che il vaccino possa scatenare la trombosi in conseguenza di una eccessiva risposta immunitaria.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.