Quantcast

L’Ordine dei medici: “Grazie alle donne e agli uomini di via Morelli”

(red.) “Cosa voleva dimostrare il gesto insensato (folle? irrazionale? eversivo?) dell’ordigno contro il centro vaccinale di via Morelli in città gestito dalla Asst Spedali Civili?”, si chiede l’Ordine dei Medici di Brescia in una nota firmata dal presidente Ottavio Di Stefano. “È un fatto grave, molto grave, ma non ha dimostrato niente. Conosco la forza della Gente del Civile, che da più di un anno senza sosta si sta spaccando la schiena, mettendoci l’anima, a tutti i livelli, per curare tutti. Conosco la forza dei medici del territorio, dei volontari, degli alpini e di tanti altri che contribuiscono a far funzionare il centro. Questa si chiama passione e niente la può scalfire”.
“Anzi”, prosegue Di Stefano, “anche in questi giorni, al caldo, al freddo, sotto i tendoni continuano con la stessa forza, che diventa gentilezza, nell’accoglienza per i nonni che vorrebbero qualche anno ancora per stare con i nipoti, per chi spera di ritornare a lavorare con serenità nei servizi essenziali e presto, speriamo molto presto, per tutti noi che vogliamo semplicemente tornare a vivere in questa nostra città ed in questa nostra terra, che Covid-19 ci ha fatto riscoprire bellissime. Grazie alle donne e agli uomini di via Morelli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.