Quantcast

Girelli (Pd): “La Regione pubblichi gli elenchi dei vaccinati con l’anno di nascita”

Più informazioni su

(red.) “Il numero delle somministrazioni anti-Ccovid non fa chiarezza sulla reale copertura vaccinale della popolazione e soprattutto non dissipa i dubbi sugli errori non ancora risolti nelle convocazioni o sui cosiddetti riempilista di fine giornata”, scrive in un comunicato Gianni Girelli, presidente Pd della commissione regionale Covid-19. “Credo sia incomprensibile ai più sapere che in Lombardia sono stati vaccinati moltissimi ventenni e i trentenni a discapito dei sessantenni e dei settantenni che, in caso di contagio, andrebbero incontro a complicazioni nettamente più serie”.

“Sinceramente provo disagio”, continua Girelli, “per come sono state interpretate da noi le prime direttive nazionali, che indicavano nella scuola e nelle università gli uomini e le donne da inserire in via prioritaria nelle liste di profilassi con AstraZeneca. Perché è del tutto evidente che insegnare in presenza in una scuola elementare o media è ben diverso che avere un contratto accademico per qualche ora di lezione. Ma la strampalata organizzazione regionale ha evidentemente permesso che accadessero anche altri incidenti: arrivano infatti segnalazioni di interventi inopportuni da parte di esponenti politici che creano corsie preferenziali per alcuni cittadini. Richiamerei quindi la necessità di comportamenti uniformi su tutto il territorio. Gli amministratori devono tutelate tutta la popolazione non subire i corporativismo di alcune categorie”.

“Nei fatti, per sminare il campo da tutte queste illazioni o scorrettezze sarebbe opportuno e utile che Regione Lombardia, in accordo con il Governo che dovrebbe occuparsi del capitolo privacy, pubblicasse sul sito regionale gli elenchi delle persone vaccinate”, conclude l’esponente del Pd. “Credo che le iniziali del nome con l’anno di nascita, o la professione per coloro che hanno ricevuto AstraZeneca in virtù delle iniziali direttive nazionali, siano sufficienti per capire a che punto siamo e soprattutto quanto dobbiamo cambiare per arrivare alla copertura vaccinale di massa che il Governo si attende per settembre. Inoltre aiuterebbe questa malconcia istituzione a recuperare un po’ di credibilità e fiducia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.