Quantcast

I pensionati: “Basta inefficienze, serve un cambio di passo sui vaccini”

(red.) “Non ci rassegniamo alla drammatica contabilità della pandemia nella nostra Provincia e fa impressione dover prendere atto dell’elevato numero di decessi avvenuto in questo mese di marzo”, si legge in una nota congiunta a firma dei sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil pensionati. “Siamo molto preoccupati per la virulenza di questa ondata pandemica e sconcertati del colpevole pressapochismo di Regione Lombardia, che crea disorientamento e sfiducia, non abbandonando la strategia comunicativa dell’annuncio a effetto senza poi che seguano azioni concrete. Troviamo eticamente incomprensibile e intollerabile che gran parte degli anziani over 80, con un rischio alto di mortalità, non sia ancora stata vaccinata, a maggior ragione essendo parte di quella generazione che ha pagato maggiormente le conseguenze della diffusione del virus”.

“Dopo il flop delle vaccinazioni antinfluenzali anche questa anti-Covid mostra inefficienze organizzative pesanti, dalle prenotazioni alla somministrazione”, prosegue il comunicato. “Oltre i ritardi nelle forniture dei vaccini, molti pensionati over 80 non sanno ancora quando e dove saranno vaccinati, assistiamo addirittura a convocazioni inferiori rispetto alla disponibilità di vaccinazione possibile, a persone anziane che vengono mandate lontano dalla propria abitazione per la vaccinazione, oppure indirizzate dove non hanno la prenotazione. Residenti della Val Trompia o della Bassa inviati sul lago, cittadini vicino a Manerbio o Leno spediti qualcuno a Chiari altri a Brescia se non addirittura fuori provincia, dalla Val Sabbia a Sarezzo, creando disagi non indifferenti. Ennesima lacuna di un Servizio Sanitario Regionale caratterizzato dall’assenza della medicina di territorio”.

“Serve un cambio di passo immediato che risolva subito le inefficienze organizzative e si acceleri la vaccinazione degli anziani”, si legge nel documento. “Serve un’organizzazione meno centralizzata ma più articolata sul territorio, che Ats e le Asst coinvolgano maggiormente i comuni ed i medici di base nell’organizzazione quanto meno nella gestione delle prenotazioni e l’invio al punto vaccinale più vicino alla propria residenza. Quelle poche esperienze territoriali nella nostra provincia che stanno funzionando sono da ricondurre proprio alla capacità di fare rete dimostrata dai comuni, dai medici di base e dagli enti erogatori. I grandi sacrifici profusi dal personale sanitario e dai tanti volontari che operano nei vari centri vaccinali, a cui va il nostro ringraziamento, non possono essere vanificati da una carente organizzazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.