Alfianello, il sindaco preoccupato chiude parchi, panchine e spazi di ritrovo

(red.) Chiusura dei parchi e degli spazi di ritrovo per almeno 14 giorni, fino a tutto sabato 20 marzo ad Alfianello (130 cittadini ufficialmente positivi e 12 vittime dall’inizio della pandemia). Lo ha ordinato il sindaco, Matteo Zani, dopo che in paese si è registrato un netto e preoccupante aumento dei casi positivi da Covid19, che si sono quadruplicati, con sei concittadini in ospedale.
Il comune lo ha deciso per contrastare il raduno di gruppi di persone “in tutti i luoghi pubblici che risultano più propensi alla formazione di assembramenti sul territorio comunale, nello specifico: piazze, parchi, panchine e aree abitualmente utilizzate al convivio”.
Inoltre l’amministrazione fa appello ai genitori degli studenti di ogni ordine e grado: “Sappiamo quanto sia difficile gestire la situazione attuale, sia dal punto di vista dei propri figli, sia dal punto di vista del lavoro, ma vi chiediamo uno sforzo affinché non venga meno il sacrificio di non frequentare in presenza le lezioni, e di vigilare e limitare allo stretto necessario le uscite dei ragazzi”.
Intanto giovedì 11 marzo 2021 alle ore 20 è in programma una cerimonia in ricordo dei concittadini defunti per Covid19. E’ prevista una messa nella chiesa parrocchiale, a un anno dalla prima vittima in paese per la pandemia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.