Coronavirus a Brescia, secondo giorno di marzo con altre 15 vittime

Sono legati alla pandemia tornata a colpire duro in provincia. E due dei deceduti avevano meno di 60 anni.

Più informazioni su

(red.) L’impatto che la ripresa della seconda ondata – ma per diversi esperti si tratta di fatto dell’inizio della terza – del nuovo coronavirus sta avendo nella nostra provincia di Brescia non si registra soltanto nei nuovi casi positivi (ieri, martedì 2 marzo, altri 844), ma anche nei decessi. Nelle ultime 24 ore si è replicato lo stesso dato dell’1 marzo, con altre 15 vittime tra quante non ce l’hanno fatta a causa o per le complicanze del virus.

In particolare, i deceduti sono tre di Brescia e di cui un 85enne, un 84enne e un 81enne. In provincia, si segnalano una 83enne e un 59enne di Borgosatollo, una 95enne a Desenzano del Garda, un 91enne a Gussago, un 92enne a Iseo, un 76enne a Gardone Valtrompia, una 88enne a Ghedi, una 98enne di Montichiari un 83enne di Torbole Casaglia, un 59enne di Villanuova sul Clisi, una 94enne di Leno e un 88enne di Lumezzane.

Dall’inizio dell’emergenza, un anno fa, sono 3.570 le vittime da Covid nel bresciano tra il territorio dell’Ats di Brescia e della Valcamonica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.