I consiglieri leghisti: “L’amministrazione di Brescia dovrebbe chiedere scusa”

(red.) “Le dichiarazioni del vicesindaco Castelletti sono senza senso. Invoca la zona rossa per Brescia quando negli ultimi due weekend il comune non ha chiuso nemmeno una via, non ha creato percorsi pedonali ordinati, non ha emesso alcuna ordinanza per evitare le folle in centro”, si legge in un comunicato firmato dai sei consiglieri comunali della Lega a Palazzo Loggia. “Hanno assistito inerti ad assembramenti, baby gang e quant’altro. Le parole non hanno significato se non sono supportate dai fatti. Laura Castelletti dovrebbe chiedersi se le masse di gente arrivate in città nei giorni scorsi non hanno contribuito alla diffusione del virus prima di lanciare accuse e di dare lezioni che non può dare”.

“Dopo la proposta della festa di piazza dello scorso anno e l’hashtag #Brescianonsiferma, il vicesindaco dovrebbe avere almeno la decenza di assumersi le proprie responsabilità e chiedere scusa per i danni fatti dal Comune”, prosegue la nota firmata da Massimo Tacconi, Simona Bordonali, Michele Maggi, Davide Giori Cappelluti, Michela Fantoni, Melania Gastaldi. “Mentre città come Bergamo sono riuscite a mettere in pratica azioni anti contagio, a Brescia si preferisce ancora una volta non agire e fare inutili polemiche istituzionali. La diffusione del virus a casa nostra non è solo causa della mobilità dei bresciani come superficialmente commentato dal sindaco, ma anche dalla latitanza della Loggia e dall’assenza di decisioni di chi la governa troppo impegnati solo in conferenze stampa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.