Coronavirus a Brescia, altri 77 ricoverati. Sale la pressione sugli ospedali

La situazione più drammatica arriva dal Mellini di Chiari: tutti posti occupati e si stanno trasferendo pazienti.

(red.) Il dato che è sintomo della preoccupazione che si sta avvertendo in provincia di Brescia dal punto di vista della diffusione del contagio arriva da quanti sono ricoverati negli ospedali. Le situazioni più allarmanti giungono dalla Franciacorta e dal lago di Garda, ma in senso generale le strutture sanitarie stanno sfiorando il 40% di saturazione dei posti letto occupati da pazienti Covid. In totale in tutti gli ospedali bresciani, compresa la Valcamonica, sono 842 i ricoverati per contagio. E solo nella giornata di ieri, lunedì 22 febbraio, sono state ricoverate altre 77 persone distribuite tra le strutture del Civile (34), il Garda (16), 2 in Franciacorta, alla Poliambulanza (20) e altri 5 agli istituti ospedalieri bresciani.

Per una situazione che al momento vede tutti occupati i 150 posti letto allestiti nella Scala 4.0 del Civile e 82 in terapia intensiva in tutta la provincia. In particolare, negli Spedali Civili sono ricoverati per Covid 308 pazienti compresa la terapia intensiva, altri 149 sul Garda, 74 in Franciacorta, 119 in Poliambulanza e 101 negli istituti ospedalieri bresciani. E dagli Spedali Civili il direttore generale Massimo Lombardo si dice preoccupato per i numeri in aumento dei pazienti e anche per il fatto che altri affetti da altre patologie rischiano di non ricevere l’assistenza adeguata.

Un’altra situazione delicata arriva dal Mellino Mellini di Chiari dove aumentano i pazienti Covid, anche a causa della variante inglese. E qui non esitano a dire che la situazione è molto simile a quella del marzo del 2020 in pieno inizio di pandemia, tanto che i ricoverati sono saliti a 95, 15 in più ieri, lunedì, rispetto a domenica. Ma non solo, perché si stanno registrando diversi trasferimenti verso la vicina provincia di Bergamo e il milanese. Per questo motivo chiedono che tutta la provincia di Brescia sia posta in zona rossa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.