Tre regioni da giallo ad arancio, ma non la Lombardia

A partire da domenica 21 febbraio cambiano colore la Campania, l'Emilia Romagna e il Molise. La Valle d'Aosta invece verso il colore bianco.

(red.) Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, ha deciso: saranno tre le regioni che passeranno dalla zona gialla alla zona arancione a partire dalla prossima domenica 21 febbraio. Tra queste non ci sarà la Lombardia. Diventano arancioni le regioni Campania, Emilia Romagna e Molise.
I dati del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute, portano a raccomandare prudenza a tutti i cittadini: “È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e rimanere a casa il più possibile. Si ricorda che è obbligatorio adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie predisposte relative a distanziamento e uso corretto delle mascherine”.

Per la terza settimana il rapporto conferma segnali di tendenza a un “graduale incremento nell’evoluzione epidemiologica” e viene osservato anche un “peggioramento nel livello generale del rischio”. Il documento sottolinea che “ciò richiede misure di mitigazione nazionali e puntuali interventi di mitigazione e contenimento nelle aree a maggiore diffusione”, perché “un nuovo rapido aumento nel numero di casi potrebbe rapidamente portare ad un sovraccarico dei servizi sanitari in quanto si inserirebbe in un contesto in cui l’incidenza di base è ancora molto elevata e sono ancora numerose le persone ricoverate per Covid-19”.

Invece una regione, la Valle d’Aosta, potrebbe presto essere la prima a diventare bianca, qualora venisse confermata per la terza settimana consecutiva l’incidenza di meno di 50 persone positive su 100 mila abitanti, requisito necessario per passare al livello più basso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.