Coronavirus a Brescia, altri 4 decessi. Si monitorano focolai in provincia

17 nuovi casi a Pompiano dove l'asilo è stato chiuso fino a fine mese. 10 in una settimana a Campione di Tremosine.

(red.) La giornata di ieri, giovedì 18 febbraio, nel momento in cui come ogni giorno da ormai un anno si analizzano i dati del contagio da Covid-19 anche nel bresciano, ha visto altri quattro nuovi deceduti – per o con le complicanze del virus – nella nostra provincia. E la preoccupazione in questo senso riguarda il fatto che tra le vittime ci sono anche un 55enne di Brescia e un 64enne di Montichiari, quindi più giovani rispetto alla media. Gli altri due sono un bresciano di 76 anni e una donna di 95 anni di Erbusco.

Le vittime salgono così a 3.464, compresa la Valcamonica, dall’inizio dell’emergenza. In questi giorni l’attenzione si sta sollevando su diversi paesi che presentano un aumento dei casi in doppia cifra, anche a causa di focolai registrati a livello scolastico o in famiglia.

Per esempio a Pompiano, già sotto monitoraggio e dove l’asilo è stato chiuso fino alla fine di febbraio, si sono registrati altri 17 casi in un giorno. L’altra situazione da tenere sotto controllo è quella del borgo di Campione a Tremosine dove in una settimana sono emersi 10 casi positivi a fronte di una popolazione di 110 abitanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.