Vaccino anti-Covid nelle farmacie, c’è l’accordo anche in Lombardia

I farmacisti saranno formati e si conta di partire con le somministrazioni tra un mese. Da definire chi partecipa.

(red.) E’ arrivata la conferma anche da parte della Regione Lombardia che le somministrazioni dei vaccini anti-Covid alla popolazione potranno avvenire anche all’interno delle farmacie. L’accordo è stato annunciato ieri, lunedì 8 febbraio, dall’assessore al Welfare e vicepresidente del Pirellone Letizia Moratti e che ha incassato la soddisfazione anche dal bresciano.

“Questo accordo è un risultato importante per la tutela della salute dei cittadini, che pone la Regione al passo con quanto previsto dai Paesi leader dell’Europa – dice Francesco Rastrelli presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Brescia – e riconosce anche la mole di lavoro svolta dai farmacisti di comunità a fianco del Sistema sanitario regionale nell’affrontare la pandemia”.

Sarà proprio l’Ordine a fornire la formazione adeguata e per questo motivo si pensa di partire nell’arco di un mese, facendosi rifornire di dosi di vaccino dalle aziende socio sanitarie locali. Per aderire ci saranno anche dei corsi organizzati dall’Istituto Superiore di Sanità con la Federazione degli Ordini dei Farmacisti. Ora si dovrà capire, partendo dal bresciano, quali farmacie aderiranno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.