Vaccino anti-Covid, in Lombardia fase 2 da fine marzo. Con Bertolaso

Nel bresciano arrivano 55 tra medici, sanitari e infermieri e altri volontari a supporto delle aziende sanitarie.

(red.) Questo periodo di inizio febbraio è cruciale dal punto di vista della campagna di vaccinazione anti-Covid. Una situazione che riguarda anche il territorio bresciano dove è in arrivo una squadra di medici, infermieri e operatori sanitari per aiutare le Ats e le aziende socio sanitarie territoriali nel somministrare le dosi. Come riporta Bresciaoggi, si tratta di 55 professionisti assunti attraverso il bando nazionale della Protezione civile e con l’aggiunta anche di volontari che risponderanno all’avviso pubblico lanciato dall’Ats di Brescia.

Nel fine settimana tra sabato 30 e domenica 31 gennaio si è ritrovato l’organo di rappresentanza dei sindaci che ha definito meglio i termini della campagna vaccinale. L’attuale prima fase che coinvolge, tra gli altri, operatori sanitari e case di riposo, terminerà il 5 marzo per poi dare il via a un’altra fase, fino al 25 marzo, con i liberi professionisti sanitari e gli ospiti delle unità assistenziali. Ma non sono mancate le polemiche sul fatto che la campagna di vaccinazione a partire dalla fase 2 in Lombardia, quindi anche nel bresciano, inizierà solo dal 26 marzo, ultima regione in Italia.

E in questa fase si partirà con gli over 80, poi gli over 60 e i più fragili. Al contrario, non c’è ancora un piano per il resto della popolazione. E dal punto di vista della campagna di vaccinazione, stamattina, martedì 2 febbraio, nel corso della seduta del Consiglio regionale lombardo dovrebbe essere annunciato l’arrivo di Guido Bertolaso a coordinare la fase 2. L’ex capo della Protezione Civile nazionale e consulente per allestire l’ospedale in Fiera a Milano ha già incontrato il governatore Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Letizia Moratti. Bertolaso si aggiunge al Covid-manager Giacomo Lucchini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.