Tutte le regioni sotto quota mille contagi, ma i morti non calano

In Italia 9.660 nuovi casi, in Lombardia 912, nel Bresciano 114 con sei vittime. Diminuisce anche il tasso di positività che torna attorno al 4%.

Più informazioni su

(red.) Martedì 2 febbraio in Lombardia i nuovi positivi al coronavirus sono stati 912 (lunedì erano 1.093), a fronte di 22.699 tamponi effettuati (erano 17.151 ). Il tasso di positività si è abbassato al 4% (era il 6,3%). I decessi sono stati 63 (erano 52), portando il totale dei morti dall’inizio della pandemia a quota 27.213. Nel Bresciano sei vittime: due residenti a Rovato, una a Botticino, Carpenedolo, Cologne e Rezzato. I malati nei reparti di terapia intensiva sono 361 (-10), mentre le persone allettate nei reparti non intensivi sono 3.544 (+55).

A livello nazionale martedì 2 febbraio 2021 si segnalano 9.660 nuovi contagi (lunedì erano 7.925) con 244.429 tamponi (contro 142.419) e 499 vittime (329). il tasso di positività scende al 3,95%.
Tutte le regioni restano sotto la soglia dei mille nuovi contagi: la Sicilia ha comunicato il maggior numero di test positivi, 984, seguita da Campania (919) e Lombardia (912).

I nuovi casi lombardi divisi per provincia:
Milano: 313 di cui 149 a Milano città;
Bergamo: 16;
Brescia: 114 (erano 169)
Como: 67;
Cremona: 17;
Lecco: 35;
Lodi: 25;
Mantova: 52;
Monza e Brianza: 45;
Pavia: 80;
Sondrio: 50;
Varese: 66.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.