Rolfi (Lega): “Zona rossa, parametri vessatori per la Lombardia”

(red.) “Il modello delle fasce colorate per le regioni si è rivelato inadeguato. Nonostante la batosta alle attività produttive e ai ristoranti, additati da Roma come luoghi di contagio, ci ritroviamo nuovamente in zona rossa”, commenta l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura Fabio Rolfi dopo la notizia dell’ordinanza del ministero della Salute.
“È chiaro che i parametri decisi dal governo risultano vessatori per la Lombardia”, continua Rolfi, “e per un sistema economico che è trainante per l’Italia e l’Europa. La Lombardia ha un tasso di positività più basso rispetto ad altre regioni e non si capisce perché questo parametro non venga preso in considerazione. Le nostre imprese e i nostri concittadini non possono pagare ulteriormente per l’incapacità di Conte e Speranza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.