Variante “inglese” Covid, un positivo in Italia. L’Ats di Brescia si attrezza

In provincia viene chiesto a tutti quelli tornati nelle ultime settimane di sottoporsi a un tampone molecolare.

(red.) L’intera Europa, Italia compresa, stanno guardando con molta apprensione soprattutto a quanto accaduto nel fine settimana appena trascorso, tra sabato 19 e ieri, domenica 20 dicembre, sul fronte della variante al Covid scoperta nel Regno Unito, soprattutto a Londra e nel sud-est. Perché se è vero, come emerso, che la Gran Bretagna aveva già isolato quella variante lo scorso settembre, il problema è che solo in queste ore si sta verificando la maggiore velocità di contagio. Per questo motivo anche l’Italia ha deciso di sospendere tutti i voli, almeno fino al 6 gennaio, da e per la Gran Bretagna.

L’ultimo, effettuato dalla British, è giunto a Roma Fiumicino ieri pomeriggio, domenica, disponendo per tutti i passeggeri i test del caso. La domenica in evoluzione ha poi portato anche a scoprire, in serata, che anche in Italia c’era un soggetto positivo alla nuova variante. Insieme al convivente, erano atterrati da pochi giorni a Roma provenendo da Londra. Entrambi sono stati posti subito in isolamento con tutte le procedure del caso. Dalla Gran Bretagna, attualmente di fatto isolata, fanno sapere che la situazione è fuori controllo dopo il boom di nuovi contagi negli ultimi giorni. E si è verificato che il nuovo ceppo avrebbe una velocità di contagio fino al 70% in più.

Tuttavia, qualche esperto sottolinea che non sia più letale di quello originale. Ma è chiaro che una velocità maggiore porterebbe a pressioni maggiori sul sistema sanitario. E ora cosa succede in Italia per chi è già arrivato a trascorrere le feste di Natale provenendo dalla Gran Bretagna? Fino allo scorso 9 dicembre bisogna fare il tampone per chi arrivava in Italia dall’Inghilterra, ma dal 10 era sufficiente solo un attestato che dimostrava di essere negativi.

Ora, invece, la situazione è cambiata. Tanto che anche nel bresciano l’Ats di Brescia ha chiesto a tutti quelli che sono arrivati dall’Inghilterra nelle ultime settimane di comunicarlo subito all’azienda sanitaria territoriale per poter eseguire un tampone. E per i bresciani si può fare riferimento al sito internet dell’Ats Brescia. Di certo una situazione spiacevole per quei bresciani che in questi giorni sarebbero dovuti tornare in Italia per trascorrere le feste di Natale in famiglia e invece dovranno farlo a distanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.