Coronavirus: in Italia 31.758 casi, stabile la Lombardia, a Brescia 421

Crescono le vittime: sono 297 a livello nazionale, mentre la regione arriva a 73. Preoccupano Milano, la Brianza e Varese.

Più informazioni su

(red.) Va sempre peggio il dato dei contagi da coronavirus in Italia, anche se in Lombardia, dopo il boom di venerdì, la situazione migliora sia pure di poche decine di unità. Brescia fa lo stesso, scendendo a 413 positivi da  460.
Nella giornata di sabato 31 ottobre ennesimo record di contagiati a livello nazionale: sono stati registrati 31.758 nuovi casi (erano 31.084) e 297  vittime contro le 199 di venerdì. I tamponi sono stati 215.886, cioè 801 in più rispetto al giorno prima quando erano stati 215.085.
La regione più colpita è come sempre la Lombardia (+8.919) seguita dalla Campania (+3.669). Cinque altre regioni superano i 2 mila contagi

I nuovi positivi nella nostra regione sono quindi stati 8.919, mentre erano 8.960 il giorno prima, con 46.781 tamponi effettuati rispetto ai 46.892 precedenti.
Purtroppo si segnalano ben 73 vittime (erano 48), che portano il totale delle persone ufficialmente morte per la pandemia Lombardia a quota 17.535. Attualmente i ricoverati in terapia intensiva sono 392 (+22 ), mentre i malati in reparti ospedalieri non intensivi sono 4.033 (+335).

I nuovi casi lombardi divisi per provincia.
Milano: 3.730, di cui 1.553 a Milano città; Bergamo: 243; Brescia: 413 (venerdì 460); Como: 475; Cremona: 184; Lecco: 228; Lodi: 151; Mantova: 248; Monza e Brianza: 1.207; Pavia: 387; Sondrio: 133; Varese: 1.202.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.