Coronavirus, tra i positivi alla Scala di Milano c’è anche un bresciano

Gérard Colombo, da anni residente in città, da due mesi raggiungeva Milano per sostenere le prove al teatro.

(red.) Riguarda in qualche modo anche Brescia quanto sta accadendo al Teatro alla Scala di Milano. Qui, nelle ore precedenti a mercoledì 28 ottobre i casi positivi al contagio da Covid-19 che erano già emersi tra gli artisti, portando alla sospensione di ogni attività, sono saliti a 21. E tra loro c’è anche il bresciano di adozione Gérard Colombo, residente appunto da anni nella nostra città.

L’artista della Scala è stato informato ieri, martedì, della positività dopo che per quasi due mesi, dallo scorso 31 agosto, ha raggiunto ogni giorno Milano da Brescia per sostenere le prove. Un periodo durante il quale ha tenuto vari concerti, anche a Brescia, di cui quello in Duomo e dedicato alle vittime del Covid.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.