Confagricoltura: “Perché vietare la vendita di vino dopo le 18 nelle cantine?”

(red,.) Confagricoltura Lombardia ha letto con stupore l’ultima ordinanza della Regione Lombardia nella parte in cui viene vietata la vendita di alcolici dopo le ore 18 a tutte le tipologie di esercizi pubblici, comprese quindi le aziende vitivinicole e le cantine che operano la vendita diretta ai consumatori.

Pur comprendendo pienamente le motivazioni che hanno portato l’amministrazione regionale ad imporre una stretta sui pubblici esercizi, con l’obiettivo primario di evitare assembramenti davanti ai locali e quindi occasioni di contagio, Confagricoltura Lombardia evidenzia come non possa certo essere equiparata la vendita di vino in cantina alle “movide” che si vogliono scongiurare nelle città della Lombardia.

L’organizzazione agricola regionale auspica quindi che la norma possa essere prontamente rivista per consentire alle aziende vitivinicole, già duramente provate dalla crisi economica conseguente all’epidemia, di svolgere una parte rilevante del proprio lavoro che spesso consiste anche in visite alle aziende e nella vendita diretta del prodotto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.