Quantcast

Vaccino antinfluenza, allarme dei farmacisti bresciani: bisogna muoversi

Il presidente Francesco Rastrelli chiede al Pirellone di imitare il Lazio. Oggi intanto si presenta la campagna.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 7 ottobre, il settore delle farmacie nel bresciano è tornato ad alzare la voce e a lanciare l’allarme sul fronte della grande carenza di vaccini contro l’influenza. Anche perché in questo periodo autunnale gli esperti hanno consigliato non solo ai soggetti più a rischio, ma anche alla popolazione attiva, di sottoporsi al vaccino: una soluzione che, in caso, di contagio da Covid-19, permetterebbe di isolare subito i sintomi rispetto a quelli della classica influenza. Ma come detto, in Lombardia così come nel bresciano c’è la preoccupazione per la carenza dei vaccini nelle farmacie, con il rischio di un assalto alle rivendite.

A lanciare l’allarme è il confermato presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Brescia Francesco Rastrelli che chiede al Pirellone di muoversi, lodando invece l’azione compiuta per tempo dalla Regione Lazio. Proprio Rastrelli ricorda che fin dalla scorsa estate era emerso come le farmacie sarebbero rimaste prive di vaccini antinfluenzali destinati agli attivi e non coperti dal Servizio sanitario nazionale. Di conseguenza, per i medici di base sarebbe stato difficile recuperare una quantità sufficiente di vaccini per chi lo avesse chiesto. Al momento ogni farmacia bresciana, se confermato, potrà avere solo fino a 12 dosi e per questo motivo il presidente Rastrelli chiede che il Pirellone si attivi come fatto nel Lazio, mentre le stesse farmacie si sono già dette disponibili a dispensare il vaccino.

E proprio sul fronte dell’influenza, oggi, giovedì 8 ottobre, al Pirellone sarà presentata la campagna di vaccinazione illustrata dall’assessore al Welfare Giulio Gallera, dal direttore generale dell’assessorato Marco Trivelli e dal virologo Fabrizio Pregliasco. Dalla presentazione si avranno maggiori dettagli su forniture e tempi di somministrazione, non solo per le categorie a rischio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.