Quantcast

Discoteche chiuse, obbligo di mascherine all’aperto alla sera

Da lunedì 17 agosto scatta l'ordinanza del Ministero della Salute. Chiusura per tutti i locali e le sale da ballo. Tornano le mascherine all'aperto durante la movida.

(red.) Il governo ha deciso: passato Ferragosto, da lunedì 17 discoteche chiuse in tutta Italia e mascherine obbligatorie la sera nei luoghi della movida anche all’esterno. La decisione è arrivata dopo una riunione con i governatori in base al Dpcm del 7 agosto e alla nuova ordinanza del ministro Roberto Speranza.
Alcuni governatori hanno fatto resistenza chiedendo di rinviare la chiusura almeno di una settimana. Ma il governo non ha ceduto.
“Sono sospese, all’aperto o al chiuso, le attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all’intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico”, recita l’ordinanza firmata dal ministro, che ha dichiarato: “Diamo un segnale al Paese che bisogna tenere alta l’attenzione. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza”.
E’ stata la crescita costante dei numeri dei contagi, con decine di ragazzi ricoverati in condizioni severe a spaventare le autorità nazionali. Che hanno deciso di non aspettare oltre facendo venire meno la deroga al Dpcm che ha finora consentito ai presidenti di Regione di tenere aperte le discoteche.
Ai gestori dei locali, ha detto il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, verrà fornito un sostegno economico. In tutto circa 100 milioni di euro.
Non solo: a preoccupare è in generale tutta la movida, luoghi di ritrovo, piazze, locali. Per questo il governo ha anche deciso di imporre l’obbligo di mascherina all’aperto in qualsiasi luogo dove possono formarsi assembramenti, dalle 18 alle 6 del mattino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.